domenica 7 aprile 2013

I CITTADINI IN PIAZZA DICONO NO ALL'INCENERITORE

Ancora una volta siamo scesi in piazza per dire il nostro NO all'inceneritore dei Castelli, per ribadire che le discariche sono una triste eredità che vogliamo cancellare. Per un futuro migliore in difesa dell'ambiente e del nostro territorio, partendo da una raccolta differenziata seria, porta a porta, che vada incontro ai cittadini, alle loro esigenze, ai loro bisogni. L'obbiettivo è avvicinarci a “rifiuti Zero”. Non è un'utopia: esistono anche nella nostra Italia realtà che ce l'hanno fatta che ce la stanno facendo. Pensiamo agli esempi di Capannori, di Ponte nelle Alpi, alla realtà di Vedelago e di tanti altri comuni, sono decine, che hanno superato l'80% (e più) di raccolta differenziata di rifiuti che diventano materiali che vengono riciclati e non inceneriti o seppelliti in discarica.
Questo è ciò che con forza chiedevamo ieri con il corteo Promosso dal Movimento No Inc che è partito da Albano e si è concluso in Piazza di Corte ad Ariccia.





Nelle foto (cliccaci sopra per
ingrandirle)  alcuni momenti
della  manifestazione
La manifestazione, nonostante fosse ormai la dodicesima volta che si scendeva in piazza in sei anni di lotta, è stata composta e molto partecipata: ben oltre 1500 persone hanno sfilato con gli striscioni delle associazioni e le bandiere del No Inc. Fra di esse Primi Cittadini, o loro rappresentanti, dei comuni di bacino della discarica di Roncigliano, i movimenti ambientalisti, i comitati di quartiere ma soprattutto tanti e tanti semplici cittadini, la vera forza della protesta, e fra di loro, in modo discreto, come nel loro stile, parlamentari e senatori del MoVimento 5 Stelle, tra gli altri Alessandro Di Battista, Federica Daga, Elena Fattori.
Finché ci saranno persone di buona volontà, finché si sarà uniti in questa battaglia di civiltà, come sostiene da sempre Simone Carabella, l'inceneritore non si farà e a vincere saranno i cittadini, quelli di oggi e quelli delle generazioni future.

Sotto l'intervento infuocato di Daniele Castri, conclusivo della manifestazione.



Fabio Ascani
Leggi ECO 16

Nessun commento :

Posta un commento