sabato 31 agosto 2013

DI CORSA DA ALBANO A ROMA IN FAVORE DELLA SPERIMENTAZIONE E DELLE CURE COMPASSIONEVOLI

Quando c'è da lottare Simone
non si tira indietro,
nella foto al suo primo
tuffo nel Tevere

Vorrei che partecipasse tanta gente perché questa è una battaglia importante che riguarda tutti!

Simone Carabella, uno dei leader del NO Inc, un uomo sempre in prima fila quando si deve combattere una battaglia, capace di tuffarsi nel Tevere per sensibilizzare tutti gli italiani sulla questione scottante dell'inceneritore dei Castelli, lunedì 9 settembre sarà ancora al centro della lotta e questa volta per aiutare coloro che invocano l'utilizzo delle cure compassionevoli per le persone affette da malattie neurodegenerative.
Simone, al centro, con uno dei fratelli Biviano, a sinistra
a sinistra nella foto. 


Simone mi ha raccontato, con la passione che lo contraddistingue, quanto sia rimasto colpito da coloro che, malati, lottano per il diritto a cure umane, per il diritto alla speranza, speranza che nessuna istituzione dovrebbe mai togliere ad alcuno. Così Simone, lunedì 9 settembre partirà di corsa da Piazza Mazzini ad Albano Laziale alle ore 16.00 e, sempre di corsa, arriverà fino a Piazza Montecitorio a Roma!


In questa maratona per la speranza, ripresa in diretta streaming, Simone indosserà una maglietta con le foto di due ragazzi, i fratelli Biviano, affetti da distrofia muscolare, che nella quasi totale indifferenza dei media, da oltre un mese vivono accampati in tenda davanti a Montecitorio, chiedendo che la sperimentazione del metodo Stamina proceda di pari passo con le cure compassionevoli. Simone si unirà alla protesta dei fratelli e degli altri malati che sono accampati a Piazza Montecitorio, dormendo in sacco a pelo con loro. Poi la mattina dopo, martedì 10 settembre, parteciperà alla manifestazione prevista per le ore 09.00.



Vorrei che partecipasse tanta gente – mi ha detto Simone – perché questa è una battaglia importante che riguarda tutti! Non ci arrabbiamo solo quando vediamo i servizi delle Iene!
Abbiamo il dovere di aiutarli ed ora possiamo farlo partecipando alla manifestazione!
Vi aspetto tutti!
Fabio Ascani



Ai seguenti link il video con Simone Carabella che annuncia la sua corsa per la speranza e tutti glia altri video sui fratelli Biviano pubblicati su youreport.it

giovedì 29 agosto 2013

AD ARICCIA LE TASSE ARRIVANO IN RITARDO E LA MULTA CHI LA PAGA?

Anche noi di ECO 16, come Nardulli e tanti altri cittadini,
abbiamo ricevuta la lettera con le cartelle delle tasse in enorme ritardo

Sta arrivando in questi giorni ai cittadini di Ariccia la cartella per il pagamento della nuova imposta, la Tares, che è divisa in due rate delle quali la prima è già scaduta il 31 maggio. 

Oltre all'onere delle tasse anche la beffa di dover pagare una multa per un ritardo del quale i contribuenti non hanno nessuna colpa?
Intanto un cittadino, Daniele Nardulli, racconta il suo sdegno sulla pagina Facebook del gruppo "Ariccia", pagina letta anche dal sindaco e da suoi collaboratori.


QUI DI SEGUITO IL LINK AL SITO DEL COMUNE DI ARICCIA CON UN AVVISO SUL PAGAMENTO DELLA PRIMA RATA.

mercoledì 28 agosto 2013

RIPARTE IL SISTRI – RETE IMPRESE ITALIA: “SOLUZIONE INSODDISFACENTE E CONFUSA”


Partirà ad ottobre il Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, questo secondo un articolo del pacchetto sulla Pubblica Amministrazione che ha avuto il via libera dal Consiglio dei Ministri.
Il Sistri sarà operativo dal primo ottobre 2013 solo per i gestori di rifiuti pericolosi e non anche per i produttori degli stessi. Dai 70 mila previsti, il sistema interesserà così alla sua partenza i 17 mila utenti che trattano i rifiuti a maggior rischio.


Per i produttori di rifiuti pericolosi il Sistri partirà invece il 3 marzo 2014 per consentire ulteriori semplificazioni, con possibilità di ulteriore proroga di sei mesi se a tale data le semplificazioni non saranno operative. Per gli enti e le imprese intermediarie di rifiuti non pericolosi si mantiene per ora il sistema dei registri cartacei. Sarà poi un decreto ministeriale da adottarsi entro il 3 marzo 2014 ad indicare ulteriori categorie tenute ad aderire al Sistri.



Il Sistri non piace a Rete Imprese Italia che chiede al governo soluzioni più radicali per controllare la tracciabilità dei rifiuti

Con un comunicato stampa Rete Imprese Italia esprime la propria insoddisfazione sulla spinosa questione della tracciabilità dei rifiuti.

"Avremmo preferito una soluzione più radicale per controllare la tracciabilità dei rifiuti, mentre il governo ha deciso di ripartire dal Sistri, un modello tanto complesso e costoso quanto inefficace".

"Benché esso sia stato opportunamente limitato ai soli rifiuti pericolosi dal primo ottobre per i trasportatori e i gestori il sistema rimane identico al precedente, generando pesanti difficoltà e disagi alle imprese".
Per Rete Imprese Italia "va utilizzato al meglio il congelamento di sei mesi previsto per l'entrata in vigore del sistema, adottando strumenti di reale semplificazione a misura delle piccole imprese che consentano di superare il modello del Sistri".
Per questi motivi, Rete Imprese Italia chiede al ministro Orlando l'attivazione in tempi brevi di un tavolo di confronto che dovrà farsi promotore di una proposta per un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti in grado di garantire il rispetto delle regole e della legalità.

martedì 27 agosto 2013

La Musica con Casciano - PAROLE DI LULÙ


Grande festa per grandi e piccini a Valle Del Treja

ECO 16 ha già avuto modo di parlare della prima edizione di questo evento, organizzato dal cantautore romano Niccolò Fabi (potete leggere l’articolo QUI, pag. 14)  raccontando cos'ha portato alla nascita di questo appuntamento, che è arrivato alla quarta edizione. Si svolgerà sempre il 30 agosto 2013, e sempre a Mazzano Romano (Casale sul Treja), tra Roma e Viterbo. Una festa dedicata ai bambini, che potranno godere degli immensi spazi verdi del Casale del Treja per giocare e divertirsi. La mattina dalle 10 alle 13 ci saranno giochi e laboratori con gli animatori e il pomeriggio dalle 15 alle 18 ci sarà un minifestival di artisti di strada. Alle 18.30 circa Niccolò Fabi, per ringraziare tutti coloro che parteciperanno, ci regalerà un concerto sul prato.
Il costo dei biglietti è di 10 euro per gli adulti e 5 euro per i bambini, con sconti per le famiglie numerose.
L’incasso della giornata sarà devoluto ai Medici con l’Africa del CUAMM per attrezzare l’ala pediatrica dell ‘ospedale di Yirol nel SUD SUDAN.

Per tutte le informazioni http://www.paroledilulu.it/ .

Gianni Casciano (gianni.casciano@gmail.com)


giovedì 22 agosto 2013

IL P.U.A. DI TUSCOLO TORNA AD ALLARMARE


DA IL PICCOLO SEGNO GROTTAFERRATA RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il periodico “Il Piccolo Segno”, “Italia Nostra” e l'associazione grottaferratese “U Lengheru Neru”, hanno presentato un Esposto sulla questione del P.U.A. di Tuscolo, quella che avrebbe dovuto essere una azienda agricola.
Da alcune foto si nota la realizzazione di quella che sembrerebbe essere una piscina per realizzare la quale è stato effettuato un pesante sbancamento.
Le associazioni hanno deciso di assumere quest'iniziativa per chiedere una verifica circa la regolarità dell'opera; se questa era prevista nel progetto iniziale o se è stata realizzata, ed eventualmente autorizzata, successivamente.
Ricordiamo che il Tuscolo è una della zone più pregiate dei Castelli Romani, sito archeologico importantissimo, vincolato dal punto di vista paesaggistico e ambientale e che rientra nei confini del Parco dei Castelli Romani.
L'esposto è stato presentato ai Carabinieri di Grottaferrata, al Corpo Forestale dello Stato, al Comune di Grottaferrata e al Parco dei Castelli Romani, invitando le autorità di Polizia Giudiziaria ad intervenire.

Siamo preoccupati”, afferma Andrea Sebastianelli direttore del Piccolo Segno, “del fatto che si continuano a realizzare opere in cemento sul Tuscolo uno dei luoghi simbolo dei Castelli Romani e plurivincolato. Non sappiamo se l'intervento sia stato autorizzato, chiediamo soltanto che l'autorità giudiziaria verifichi questo fatto.” “Certo autorizzare una piscina a Tuscolo sarebbe comunque una aberrazione considerando i gravi problemi idrici dei Castelli Romani,”dichiara Angelo D'Ottavi de U Lengheru Neru.“Non c'è solo il problema, grave, di penuria di acqua”, rincara Enrico Del Vescovo di Italia Nostra, ”ma anche del fatto che uno dei Paesaggi più importanti del Lazio venga continuamente sottoposto ad uno stillicidio di interventi che nulla hanno a che fare con la salvaguardia di questo importante contesto ambientale nel quale natura e cultura trovano una sintesi sublime”.
Il Piano di Utilizzazione Agricola del Tuscolo sul versante del Comune di Grottaferrata, suscitò enormi polemiche tanto che oltre 500 cittadini manifestarono contro quello che fu ritenuto un vero e proprio attacco al Paesaggio e all'Ambiente. 
Il Piccolo Segno
U Lengheru Neru
Italia Nostra Castelli Romani

martedì 20 agosto 2013

OASI IN FESTA


TRE SERATE ALL’INSEGNA DELLA COMICITÀ 
E DELLA BUONA MUSICA E DEL BUON CIBO

Nei giorni 23-24-25 agosto, all’anfiteatro Parco dell’Olmata a Genzano di Roma ci aspettano tre serate molto interessanti; infatti il 23 agosto ci sarà lo spettacolo del comico romano Luciano Lembo, attore, imitatore e cabarettista, che ha partecipato a numerose trasmissioni televisive e come attore alla finction televisiva “Un posto al sole”. Il suo spettacolo è un insieme di imitazioni, monologhi e momenti di riflessione. Il 24 agosto invece sarà la volta di quello che è diventato un appuntamento tradizione dell’estate dei Castelli Romani a cui non si può mancare, ovvero il concerto di Stefano D’Orazio, ex leader del Vernice, autore di grandi successi come “Quando tramonta il sole” o “Su e giù”, “Scema”, “Bughy” che nei primi anni ’90, con la direzione artistica di Claudio Cecchetto, lo ha portato a vendere centinaia di migliaia di copie e a fare numerosissimi concerti in tutta Italia, oltre che a partecipare a trasmissioni come Festivalbar, Disco per l’estate. Nell’aprile del 2011 ho avuto il piacere di farmi una breve chiacchierata con lui (per chi è interessato può leggerla QUI a pag 13).
Il 25 agosto è la volta di un grande comico, attore e scrittore Giobbe Covatta. Ha iniziato la sua carriera nel 1987 con varie trasmissioni televisive su Odeon Tv e su Rai 2. La popolarità arriva ai massimi livelli con le sue partecipazioni dal 1990 al Maurizio Costanzo Show, in cui inizia a farsi conoscere non solo come comico, ma anche come scrittore E’ da citare il suo primo libro che è stato record di vendite, superando il milione di copie vendute, “Parola di Giobbe”. Da li seguono altri grandi successi come “Pancreas: trapianto del libro cuore”, “Sesso? Fai da te!”, “Dio li fa e poi li accoppa” tratto da un suo spettacolo teatrale.
Tante sono le sue collaborazioni teatrali: Vincenzo Salemme, Francesco Paoloantoni, Ricky Tognazzi, Enzo Iacchetti.
Anche la sua filmografia è molto ricca, ma ci tengo personalmente a citare un suo film che mi colpì in modo particolare “Muzungu – uomo bianco” di Massimo Martelli, nel quale vengono messe in evidenza le tante difficoltà quotidiane che molti popoli africani debbono affrontare. Questo per lui è un tema molto importante, infatti è da molti anni testimonial di AMREF e SAVE THE CHILDREN. Come non ricordare lo spot di AMREF in cui diceva insieme ad una bambina africana “Basta poco, che ce vò?”
Le tre serate dell’OASI IN FESTA sono gratuite.
Per ulteriori informazioni http://www.oasiinfesta.it/ .

Gianni Casciano (gianni.casciano@gmail.com)

domenica 18 agosto 2013

Luca Nardi di SALVIAMO IL LAGO ALBANO si rivolge a PAPA FRANCESCO


Salviamo il Lago Albano!!! Basterebbe occuparsene ed eliminare le cause della perdita di livello delle acque (6 metri). Prelievi diretti e pozzi abusivi...Poi il resto..
Papa Francesco, basterebbe poco per stimolare una azione concreta ed efficace. Non so dove scriverti perche' non ho il tuo indirizzo.
Spero che in tanti condividano questo appello così che possa magari giungerti...San Francesco fu uno dei primi ecologisti della storia... chissà che tu non possa emularlo..
Se scrivo e' perche' credo veramente che un uomo che si mostra coraggioso e vicino alla gente possa capire il valore che questa nostra grande risorsa riveste per tutti noi.. Pertanto PAPA FRANCESCO... basterebbe un tuo intervento... sarebbe di grande importanza...
Luca Nardi




L'appello di Luca è stato pubblicato anche dal
prestigioso quotidiano "IL MESSAGGERO"
L'APPELLO DI LUCA SI STA DIFFONDENDO VELOCEMENTE E SIAMO CERTI SIA GIÀ GIUNTO ALLE ORECCHIE DEL PONTEFICE.

Siamo fiduciosi che Papa Francesco abbia già letto l'appello di Luca Nardi di Salviamo il Lago Albano e a questo appello facciamo ECO anche noi con la nostra piccola voce, del resto anche negli anni passati, dalle pagine di ECO 16, ci siamo appellati al Pontefice per il Lago. Questa volta pensiamo sia la volta buona, la volta che il grido dei cittadini per il loro territorio possa essere raccolto. Un territorio che, pur ancora bellissimo, soffre di eccesso di urbanizzazione; soffre per la presenza di impianti  come la discarica di Roncigliano; soffre gli abusi di chi senza scrupoli pensa solo al profitto. Un territorio che è minacciato da nuove costruzioni di strutture che porterebbero altro inquinamento e sfruttamento dell'ambiente e delle risorse idriche: il mega inceneritore dei castelli e le numerose centrali di produzione di energia elettrica da "biomasse". 
Caro Papa Francesco, un tuo cenno, almeno sul Lago Albano, sarebbe qualcosa di meraviglioso per tutte le persone che vivono e amano i Castelli Romani.
F. Ascani

giovedì 15 agosto 2013

PRIMA SALVA UNA VITA POI GODITI L'ESTATE


Tra i tanti auguri ricevuti tramite messaggini telefonici, mail o post su Facebook, tutti graditissimi, quelli che ci hanno colpito di più sono quelli dell'associazione cui siamo soliti donare il sangue, l'AD SPEM. Ci augurano di essere felici e spensierati ovunque noi siamo e ci ringraziano per il nostro contributo.

Ricambiamo pubblicamente questi auguri e nel farlo vogliamo ricordare ancora una volta, come tante volte abbiamo fatto con ECO16 e da questo blog, quanto sia importate donare il sangue, specie in questi periodi di ferie, quando la disponibilità potrebbe essere minore.
Donare il sangue è un gesto d'amore.

L'AD SPEM è l'ASSOCIAZIONE DONATORI SANGUE PROBLEMI EMATOLOGICI UNIVERSITA' LA SAPIENZA e questo è il suo sito internet dove potete trovare indicazioni e approfondimenti su dove, come e perché donare: http://www.adspem.org/

mercoledì 14 agosto 2013

ECO-RINNOVATO


Abbiamo rinnovato  la grafica del nostro blog 
ECO16.. e lo annunciamo con questa piccola eco-lista
 un eco gioco innocente senza pensieri o regole:
1eco
2ecologia
3ecologico
4ecologo
5ecopacifista
6ecotipo
7ecocompatibile
8ecosfera
9eco-cultura
10eco-mostro
11eco-bello
12eco-politica
13ecoresistenza
14ecoenergia
15economia

GRAZIE NO-INC!

A 4 ANNI DALL'AUTORIZZAZIONE
 L'INCENERITORE DEI CASTELLI ANCORA NON C'È


(FOTO DI DANIELE CASTRI)
Era il 13 agosto 2009 quando venne autorizzata la costruzione del mega impianto di incenerimento di Roncigliano. A 4 anni esatti dall'autorizzazione dell'inceneritore dei Castelli da parte dell'allora presidente di Regione Lazio Piero Marrazzo, la sua costruzione ancora non è cominciata e, siamo sicuri, non comincerà mai. Per questo dobbiamo essere grati a coloro che da subito hanno lottato, e ancora lottano,  a costo di enormi sacrifici personali, affinché la natura e il nostro ambiente non venga violentato e compromesso per sempre. GRAZIE NO INC!

Chi invece non dobbiamo ringraziare, almeno dal nostro punto di vista, sono coloro che l'inceneritore lo volevano e che hanno firmato per averlo, alcuni di loro sono ancora sindaci dei Castelli Romani, o consiglieri comunali o regionali o hanno altre cariche. I loro nomi sono visibili nel documento sotto, la lettera nella quale di fatti chiedevano l'inceneritore a Marrazzo:
Oggi, però non dobbiamo neanche dimenticare chi si è aggiunto con autorevolezza a questa battaglia ambientale e ce lo ricorda con un comunicato stampa (che riprendiamo quasi per intero) il M5S di Albano Laziale: sono i deputati del Movimento 5 Stelle. Prima fra tutti per impegno l'On Federica Daga che il 26 giugno scorso con altri sette deputati del Movimento, depositarono presso la Camera dei Deputati un’interrogazione urgente (doc .1, Copia Interrogazione), a risposta scritta e orale - da discutere in aula - relativa ai famigerati fondi pubblici CIP-6 e Certificati Verdi per la costruzione dell’Inceneritore dei Castelli Romani. Il Ministro in carica per lo Sviluppo Economico Flavio Zanonato, però, ancora non ha risposto. Per quale motivo? Cosa c’è, in questo brutto “pasticciaccio di Roncigliano”, che non può essere reso pubblico?”


Gli otto deputati (Daga, Busto, De Rosa, Mannino, Segoni, Terzoni, Tofalo, Zolezzi), davvero a 5 Stelle, lo scorso 8 agosto, presso la Camera dei Deputati, hanno sollecitato la Presidenza, affinché l’interrogazione venga discussa urgentemente e pubblicamente, in aula, nel corso delle udienze già calendarizzate per il mese di settembre.”
QUI IL VIDEO IN CUI LA PARLAMENTARE FEDERICA DAGA SOLLECITA LA RISPOSTA DEL MINISTRO ZANONATO ALL'INTERROZAZIONE DA LEI STESSA PRESENTATA
I termini di legge per accedere ai Cip6, questa vera e propria valanga di fondi pubblici, come ormai abbiamo ben capito, sono ampiamente scaduti.

L’ultima parola, però, spetterà in ogni caso al Ministro in carica per lo Sviluppo Economico, Flavio Zanonanto. Che si è ben guardato, fin’ora, come abbiamo potuto constatare, di presentarsi di persona in aula a rispondere alle domande poste dai deputati–cittadini davvero a 5 Stelle che vogliono, giustamente, conoscere nel dettaglio l’esito delle relative operazioni amministrative, economiche, industriali e finanziarie.

L’inceneritore avrebbe dovuto essere costruito, come riportato testualmente nella convenzione Coema-GSE di giugno 2009 (da poco divenuta pubblica!), entro e non oltre il 31 dicembre 2008, e collaudato entro e non oltre febbraio 2011.

Spirati questi termini, viene meno la possibilità...  di utilizzare i soldi sottratti all’erario pubblico. 

Il comunicato si conclude con una semplice domanda per il ministro dello Sviluppo Economico Zanonato: si vuole concedere o meno i soldi pubblici per la costruzione dell'inceneritore?
L'intero comunicato M5S è visibile QUI