giovedì 28 febbraio 2013

Simone Carabella: La politica deve fare i FATTI

La politica deve fare i FATTI: non può la politica delegare i cittadini e poi salire sul carro dei vincitori!
Simone Carabella parla in piazza San Pietro ad Albano Laziale e invita i cittadini e le istituzioni a partecipare al sit-in di sabato 2 marzo ai cancelli della discarica di Roncigliano sulla via Ardeatina.

Albano Laziale, Inceneritore: i legali del Comune depositano il ricorso contro la determina della Regione


I legali del Comune di Albano hanno depositato nella giornata di ieri il ricorso contro la Regione Lazio (Dipartimento Programmazione economica e sociale, Direzione Regionale Attività produttive e Rifiuti) e nei confronti del Consorzio Ecologico Massimetta – CO.E.MA e della Pontina Ambiente Srl mediante il quale si impugnano gli atti e provvedimenti con cui si approva il cronoprogramma dei lavori, si proroga la durata dell’Autorizzazione Integrata Ambientale e si chiede l’avvio delle operazioni dirette alla realizzazione e messa in esercizio della centrale elettrica alimentata da gas di sintesi derivato dal CDR.
La motivazione centrale è legata al fatto che nell’area di Roncigliano, sede dell’attuale discarica, non possono essere avviati i lavori in quanto questa area è attualmente è classificata “potenzialmente inquinata” e, pertanto, sottoposta a procedimento di caratterizzazione (disposto con provvedimento della Provincia di Roma n. 193 del 18 gennaio 2012) al fine di individuare i parametri identificanti lo stato dell’inquinamento e adottare le conseguenti misure necessarie alla bonifica.
Nonostante questo stato di fatto, la Regione Lazio sta procedendo, con gli atti impugnati, ad un evidente aggravio del contesto ambientale prescindendo dalle contestuali obbligatorie (e di sua competenza) azioni di prevenzione e dalla priorità di mitigazione dell’impatto dell’impianto per l’ecosistema a valle dell’eventuale operatività.

Al fine di condividere con gli altri sindaci di bacino le azioni legali in essere e quelle in fieri è stata convocata per mercoledì prossimo 6 marzo la Conferenza dei sindaci.
C. S. Città di Albano Laziale

INIZIATO IL CORSO PER ALLIEVI GUARDIE ECOZOOFILE DELL'A.N.P.A.NA. Futuri Agenti a tutela del territorio ambientale castellano e non solo

di Elena Taglieri


Con il patrocinio dell' Assessorato all'Ambiente, il giorno 15 dicembre 2012 è stato presentato presso la sala Consiliare di Palazzo Savelli il “Corso di Formazione nazionale per Allievi Guardie ECOZOOFILE” (GEZ), dell' A.N.P.A.N.A (Associazione Nazionale Protezione Animali, Natura e Ambiente)
Presenti, oltre all'Assessore Ing. Claudio Fiorani, le Dirigenze Superiori dell'A.N.P.A.N.A. Ispettore Regionale Dr. Giancarlo Di Marzio ed il Vice-Comandante Provinciale Dr. Vincenzo Avalle, nonché il Tenente Maria Luisa De Marco del Corpo della Polizia Municipale del Comune di Albano Laziale, l' Ispettore Capo Umberto Stazzi e le GEZ Gabriele Nicoletti, Claudio Quagliozzi, Alessandro Ficociello, Gaetano Coccellato.
Il Corso, che ha visto il proprio inizio giovedì 10 gennaio 2013, prevede moduli di 40 ore teoriche (con 1 incontro settimanale di circa 2 ore). Dopo le prime 4 lezioni i candidati, prima di poter proseguire i successivi incontri formativi, saranno sottoposti a verifiche scritte, strutturate sulle materie fino a quel momento affrontate ed inerenti soprattutto allo Statuto dei Soci ANPANA ed alle modalità operative e di intervento specifiche delle 'Guardie Ecozoofile'.
Un modo, questo, per poter sondare personalmente (in modo sereno ed onesto con se stessi) ma anche da parte del medesimo Direttivo ANPANA, il reale interesse a volere ricoprire un futuro ruolo professionale che, seppur svolto in forma volontaria e gratuita, richiede comunque che venga acquisita una solida preparazione normativa e legislativa in continuo aggiornamento, come pure un forte senso di responsabilità e di autodisciplina, ma non in ultimo, la capacità di fronteggiare eventi e situazioni critiche anche di forte impatto psicologico (si pensi alla scoperta in flagranza di illeciti ambientali e faunistici di media e alta gravità), al di là di ogni eventuale mero e fantasticato entusiasmo del solo vedersi indossare una divisa.
Solo successivamente ad ulteriori esami ed alla idoneità di servizio, stante l'effettiva preparazione teorico-pratica raggiunta (il corso prevede un periodo di tirocinio operativo in affiancamento a GEZ Effettive), l'Aspirante Allievo potrà ricevere il Decreto Prefettizio che sancirà definitivamente la propria appartenenza al Corpo delle Guardie ECOZOOFILE, riconoscendone il profilo giuridico sia a livello nazionale che, come per disposizioni di recente proposta, anche a livello europeo.
Ma le GEZ sono prima di tutto e comunque soci dell'ANPANA, un' associazione onlus costituitasi a Roma nel lontano 3 aprile 1985. Riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile con decreto n. DPC/VRE/0017139 del 29/03/2005, essa ha dimostrato con serietà e perseveranza più che trentennale di raccogliere consensi, contribuendo come parte attiva a tavoli Tecnici e Commissioni Ministeriali, Regionali, Provinciali e Locali nella finalità di vigilanza sull'osservanza delle leggi e dei regolamenti generali relativi alla difesa del patrimonio zootecnico, ittico ed ambientale. Oltre ad aver ottenuto i suddetti meriti, l’ANPANA è stata riconosciuta anche dal Ministero della Salute con Decreto n°4/2007 EN.AS. del 3 luglio 2007.
Ma quali sono i settori specifici nei quali le le Guardie ECOZOOFILE esplicano la loro attività?
  • Anagrafe canina, controllo dei canili e del fenomeno del randagismo di cani e gatti, controlli su colonie feline, epidemie degli animali.
  • Prevenzione e repressione dei maltrattamenti degli animali.
  • Vigilanza per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio.
  • Vigilanza sul patrimonio ittico e sulla disciplina dell’esercizio della pesca nelle acque interne e marine.
  • Controllo e vigilanza  nei  trasporti animali.
  • Controlli negli allevamenti, negozi, fiere, circhi e nei mercati circa lo stato degli animali e le condizioni igenico-sanitarie in cui sono tenuti.
  • Vigilanza nei mattatoi circa i modi di abbattimento ed il rispetto delle condizioni igenico-sanitarie degli impianti.
  • Controlli contro la vivisezione ed il maltrattamento degli animali; la sorveglianza si estende ai luoghi di custodia e tende ad impedire il commercio illegittimo di animali destinati alla vivisezione.
  • Vigilanza sul commercio degli animali esotici protetti dalla legge di Washington (CITES).
  • Tutela di parchi, giardini e  riserve naturali.
  • Vigilanza sulla raccolta dei funghi, tartufi, prodotti del sottobosco e flora protetta.
  • Vigilanza sugli incendi boschivi e di Polizia forestale.
  • Vigilanza e verifiche antinquinamento degli scarichi pubblici e privati, controlli delle deposizioni di rifiuti anche ingombranti nelle aree pubbliche, private e nelle acque superficiali o sotterranee, inquinamento acustico.
  • Vigilanza sugli spandimenti agronomici.
  • Attivazione come Protezione Civile quando viene richiesto.
Le Guardie ECOZOOFILE affiancano ed operano in sinergia con Autorità Locali ed altri Organi di Vigilanza Pubblica (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato, Capitanerie di Porto, Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Croce Rossa, Servizi ASL, Organi di Polizia Locale e Provinciale, etc.) senza sostituirsi ad essi.
Il compito delle le Guardie ZOOFILE non consiste, però, esclusivamente nella prevenzione e repressione delle infrazioni e dei reati, ma anche maggiormente nella promozione e nell'educazione all'ecologia, al rispetto della specie animale e suo habitat, e dell'ambiente in generale.
Per questo motivo così nobile le GEZ rappresentano una 'nota' di armonia (forse non a caso pronunciare il loro acronimo ci riporta al nome di un piacevole stile musicale) in una società molto spesso poco attenta ai bisogni dell'altro ed alla sua esistenza, senza distinzione se questo 'altro' sia di genere umano, animale, vegetale o minerale.
Va comunque sottolineato che, nonostante la lodevole attività di volontariato gratuito, le Guardie ECOZOOFILE durante l'espletamento dei loro compiti rivestono carica di Pubblico Ufficiale.
La legislazione vigente, tra l'altro riconosce loro le funzioni di Polizia Giudiziaria e di Polizia Amministrativa in ambito specifico.
Pertanto, le GEZ, come accade per un qualunque Agente, non possono esimersi da un comportamento di specchiata moralità e da un scrupolosa osservanza della legge, rispondendo in prima persona per qualsiasi incresciosa situazione che li veda coinvolti nel varcare i limiti tracciati ed imposti dal codice civile e penale.
L'importanza di avere sul territorio le Guardie Ecozoofile significa una tutela in più ed un occhio vigile per ogni urgenza, non in ultimo anche attività di protezione civile, laddove richiesta in casi di necessità e comunque di ausilio ad altre forze dell'ordine.
Per qualsiasi informazione le GEZ della Sede Provinciale di Roma rispondono al numero della sede di Albano : 06.93.23.272.
Per segnalazioni urgenti è attivo il recapito mobile 335. 53.64.452
(elena.taglieri@gmail.com)

martedì 26 febbraio 2013

VI INVITIAMO A PARTECIPARE SABATO 2 MARZO AL SIT-IN ALLA DISCARICA DI RONCIGLIANO



Finita la sbornia elettorale certo non ci sarà tempo da perdere per chi vuole preservare ambiente e salute dei cittadini. Ci sono battaglie che non si può smette mai di combattere... almeno finché non si è vinto! La battaglia contro l'inceneritore di Albano, che ha visto momenti di sollievo e momenti molto duri, come ultimamente con le sentenze del Consiglio di Stato (quella per la costruzione dell'inceneritore e quella che riporta i rifiuti di Roma ad Albano), è ad un punto critico ed è per questo che sabato 2 marzo, dalle 8.00 alle 14.00, tutti i cittadini sono invitati a partecipare al sit-in di fronte la discarica di Roncigliano. Sarà importante essere in tanti, mostrare che i cittadini non vogliono che il proprio territorio continui ad essere violentato. Sarà anche interessante vedere, a giochi fatti (elezioni concluse), quanti sindaci e politici saranno ancora a fianco dei comitati e delle persone sempre in prima linea.
(I DATI RIPORTATI SOPRA SONO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI
SANITA'E DOVREBBERO FAR RIFLETTERE CHIUNQUE SULL'IMPORTANZA,
PER LA SALUTE NOSTRA E DI CHI AMIAMO.
COMBATTERE CONTRO GLI IMPIANTI DI INCENERIMENTO DEI RIFIUTI
É QUALCOSA CHE NON SI FA PER PARTITO PRESO O PER MOTIVAZIONI
IDEOLOGICHE,  MA PERCHÉ SI VUOLLE PRESERVARE L'AMBIENTE
E LE PERSONE DA I DANNI CHE QUESTI POTREBBERO CAUSARE.
OGNI CITTADINO RESPONSABILE HA IL DOVERE DI INFORMARSI E
DI BATTERSI PER UN AMBIENTE SANO, PER NON ESSERE UN GIORNO
RESPONSABILI DEL MALE CHE POTREBBE GIUNGERE.)

ECO 16 , sabato, sarà presente e non solo per fare la cronaca della giornata ma anche e soprattutto per partecipare, come persone coinvolte, in una lotta che è per la salute di tutta la collettività e per la salute dei nostri figli e dei figli dei nostri figli. Siamo persone che vedono il mondo, che scelgono e che si schierano. Amiamo fotografare la realtà, ma quando questa non ci piace, amiamo ancora di più impegnarci per cambiarla ed è per questo che invitiamo tutti a non delegare ma a partecipare in prima persona per questa lotta che è così importante.




SABATO 2 MARZO, ore 08,00 – 14,00, tutti al SIT IN/ASSEMBLEA PUBBLICA DAVANTI L'INGRESSO DELLA DISCARICA DI RONCIGLIANO, A CECCHINA DI ALBANO LAZIALE, VIA ARDEATINA KM 24,650.

Non mancate!

lunedì 25 febbraio 2013

Porcellum - PERCHÉ TRE GOVERNI, PUR AVENDONE LA POSSIBILITA' NON HANNO CAMBIATO QUESTA LEGGE?

Calderoli, padre della legge
elettorale detta Porcellum


È da dicembre del 2005 che abbiamo una legge elettorale che lo stesso autore, Roberto Calderoli, definì una porcata, e per questo è detta porcellum.
Con il porcellum nel 2006 abbiamo avuto un governo di Centrosinistra, PRODI; nel 2008 di Centrodestra, BERLUSCONI, sostituito poi dall'uscente governo MONTI. Nessuno di questi governi ha ritenuto proprio dovere impellente cambiare una legge che era a detta di tutti pessima e che oggi potrebbe portarci all'ingovernabilità. Anche da questo ci si può fare un'idea delle capacità di chi ci ha governato negli ultimi anni.

Forse davvero ci vuole un rinnovamento epocale.

domenica 24 febbraio 2013

UOMO (e il suo misero destino) di Steve Cutts

Prima dell'importante incontro che si è svolto a Torrimpitra per informare sui danni che potrebbe provocare la costruzione dell'imponente centrale a biogas che li vorrebbero realizzare (vedi QUI), è stato proiettato anche questo breve ed illuminante cartone animato, frutto dell'ingegno di Steve Cutts che con pochi tratti,  molto ingegno e sarcasmo mostra quello che pare essere il destino dell'uomo... se non cambia il suo atteggiamento di conquista nei confronti della Natura. 


Non dimentichiamo mai che il nostro territorio, anche quello dei Castelli Romani, è sotto assedio: centinaia di migliaia di metri cubi di cemento a Marino, l'inceneritore e la discarica a Roncigliano le centrali a biomassa o ad olio esausto ad Albano, a Velletri, ad Ariccia, a Pomezia. Circa 160 centrali a biomassa in tutto il territorio della provincia di Roma... non di Italia o del Lazio, ma della sola provincia di Roma!
Diffidiamo dei falsi ambientalisti, di quelli che fanno i giochetti delle tre carte, e poi ti fanno apparire una ciminiera sotto il naso.
Leggi ECO 16

sabato 23 febbraio 2013

SCUOLA A RISCHIO? I GENITORI SEGNALINO EVENTUALI SITUAZIONI PERICOLOSE

Verbale Vigili del Fuoco
Da Carlo Serilli, cittadino di Ariccia e padre di un bambino che frequenta la scuola elementare, riceviamo la seguente segnalazione con un invito per tutti i genitori.

Va tutto bene nelle scuole dove ogni giorno mandiamo i nostri bambini? Sono luoghi sicuri? L'amministrazione ha vigilato con cura? Pare di NO!  Per l'aspetto non proprio rassicurante di alcuni punti della Scuola Elementare Statale Don Milani in Ariccia è stato chiesto l'intervento dei Vigili del Fuoco nel giorno del 23 Gennaio scorso. Ecco che viene fuori la triste verità: vi sono parti di intonaco che sono pericolanti e infiltrazioni d'acqua che arrivano vicino l'impianto elettrico che viene disattivato in parte.  
Si invitano tutti i cittadini che fanno riferimento alla scuola pubblica di Ariccia di riunirsi in comitato spontaneo per portare le giuste segnalazioni agli organi preposti al fine di tutelare l'incolumità dei nostri figli.








Leggi ECO 16


venerdì 22 febbraio 2013

DI NUOVO I RIFIUTI DA ROMA AD ALBANO

La discarica di Roncigliano vista con Google Maps. Si distingue benissimo il VII invaro, GIGANTESCO, e vicinissimo alle abitazioni!  Il Ministro Clini si dichiara soddisfatto per la sentenza, molto meno le persone che da decenni convivono con un ecomostro che uccidendo il territorio
Ancora una volta il Consiglio di Stato ribalta in modo incredibile una sentenza del TAR, quella che aveva sospeso il trasporto dei rifiuti da Roma in alcune discariche della della provincia, tra cui quella di Roncigliano!

Il Comitato NO INC al GSE UN INCONTRO CHE AVRÀ UN SEGUITO


Un folto gruppo di rappresentanti del No Inc, circa 100 persone,  si è trovata oggi in un sit-in/conferenza sotto la sede del Gestore del Servizio Elettrico.  Due funzionari a capo del GSE, ingegner Gerardo Montanino e avvocato Vinicio Vigilante, hanno ricevuto una delegazione del No Inc per un incontro che è durato circa un’ora e mezza.
 Il GSE non ha concesso l’accesso agli atti richiesto nei mesi scorsi, per ben quattro volte, dalle associazioni del No Inc, dal consigliere regionale Ivano Peduzzi, dal Comune di Albano ed, infine, dalla conferenza dei sindaci di bacino, i due funzionari hanno confermato ufficialmente che non hanno ancora sottoscritto la CONVENZIONE DEFINITIVA con il Co.E.Ma.. Richiesta di definizione della CONVENZIONE DEFINITIVA, come ormai noto, sollecitata il 14 febbraio scorso dall’Ufficio Rifiuti della Regione Lazio con un atto di diffida formale che richiede, tra le altre cose, anche di avviare il cantiere per la costruzione dell’Inceneritore dei Castelli Romani entro e non oltre il prossimo 7 marzo, invita sia al GSE sia al Co.E.Ma.. CONVENZIONE DEFINITIVA che permetterebbe l’accesso alla contribuzione pubblica denominata CIP 6/92 per la costruzione dell’Inceneritore dei Castelli Romani. I due funzionari hanno garantito, inoltre, che, ancora oggi, l’unica convenzione esistente tra il GSE ed il Co.E.Ma. è la famigerata PRELIMINARE stipulata nel giugno 2009. Hanno confermato, infine, che non è prevista, per il momento, la stipula di una CONVENZIONE DEFINITIVA.
É poi emerso che i due funzionari del GSE non hanno mai ricevuto dalla Regione Lazio copia di alcuni documenti. Si tratta, in particolare, dell’ordinanza di Marrazzo n. Z-0003 del 22 ottobre 2008, della D.I.A. Co.E.Ma. del 29 dicembre 2008, della sentenza del Tar del Lazio n. 36740/2010 , della sentenza del Consiglio di Stato n. 1640/2012 e dei due verbali (Aprile 2009 e Ottobre 2010) della Polizia Municipale di Albano che certificano come il cantiere per la costruzione dell’Inceneritore dei Castelli Romani non è mai partito (per nostra fortuna, sottolinea castri del NO INC) e meno che mai entro la fatidica data del 31 dicembre 2008. Quindi sono state consegnate ai due funzionari i documenti suddetti che invalidano, ad avviso del comitato No Inc, la convenzione preliminare di giugno 2009 e, quindi, la validità stessa dell’atto e i due funzionari, accettando le copie informali, messe a disposizione dal No Inc, hanno richiesto che questi stessi atti vengano depositati in forma ufficiale lunedì prossimo.
Tra circa un mese seguirà un altro incontro.

giovedì 21 febbraio 2013

Nando Bonessio di Rivoluzione Civile sotto il GSE per dire NO all'inceneritore

Nando Bonessio di Rivoluzione Civile aderisce alla conferenza/sit-in di domani sotto la sede del GSE: "Aderiremo domani, 22 febbraio, alle 10.30, alla manifestazione organizzata dal comitato No Inc. contro l’inceneritore di Albano sotto la sede romana del Gestore dei Servizi Energetici, in Viale Maresciallo Pilsudski. È necessaria una svolta radicale e passare dal dannoso modello cassonetto-discarica-inceneritore, asservito alla lobby politico-economica della “monnezza”, al modello basato sulla Riduzione, sul Riuso, sulla Raccolta porta a porta e sul Riciclo dei materiali. Solo con questo modello di gestione si può arrivare a un ciclo sostenibile dei rifiuti, cosa che ridistribuirebbe le risorse sul territorio, in termini di minor inquinamento e maggior lavoro in tutto il Lazio".

mercoledì 20 febbraio 2013

I VIDEO DELL'INCONTRO CON DI FELICE A VILLA ARICIA SU SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO E SU AMBIENTE E TERRITORIO

Giovedì 7 febbraio a Villa Ariccia, Roberto Di Felice, Enrico Indiati e Franz Cianfanelli, hanno incontrato i cittadini (oltre 200 persone hanno gremito la sala), per spiegare la sentenza del Consiglio di Stato che ha di fatto ribaltato quelle che erano state le decisioni del TAR, ovvero di annullare le elezioni. (http://ecodiariccia.blogspot.it/2013/02/incontro-con-di-felice-si-e-parlato-di.html)
Di felice ha illustrato la sentenza mostrando come si può vedere nel video i diversi punti che lascino decisamente perplessi.
Si è parlato anche di ambiente e di aggressione al territorio con l'intervento di Daniele Castri che ha parlato della centrale a biomassa progettata per Ariccia.

Video introduttivo Video: La sentenza del Consiglio di Stato Di Felice su interrogazione parlamentare PD e sulla questione ambientale Daniele Castri sulla centrale a biomassa di Ariccia Leggi ECO 16

IL SINDACO MARINI E IL DELEGATO ANDREASSI PARTECIPINO AL SIT-IN DI VENERDI' AL GSE - L'INVITO DI CARABELLA


Simone Carabella

Simone Carabella invita il sindaco Marini e il delegato ai rifiuti Andreassi a partecipare alla conferenza/sit-in sotto la sede del GSE

Ritengo indispensabile la partecipazione del Sindaco di Albano Nicola Marini e del delegato ai rifiuti Luca Andreassi, al Sit-In No-Inc in programma per venerdì prossimo 22 febbraio sotto la sede del GSE, che con la loro presenza attribuirebbero peso politico all’iniziativa e dimostrerebbero la vicinanza ai cittadini ed alle associazioni del territorio
.”
Nicola Marini e Luca Andreassi

L'Area Rifiuti della Regione Lazio spinge in maniera chiara e netta per la costruzione immediata dell'inceneritore di Albano, indicando anche una data limite, quella del 7 Marzo per l'avvio del cantiere.
Intanto Il GSE vieta alla conferenza dei Sindaci di bacino la possibilità di accedere ai documenti che permetterebbero, di fatto, di bloccare i fondi pubblici indispensabili per l’avvio del cantiere,scongiurando definitivamente la costruzione dell’ecomostro dei Castelli Romani.
Nella nota mandata al Sindaco di Albano, il GSE fa chiaramente riferimento al mancato ricorso al TAR che l’Amministrazione avrebbe potuto fare entro 30 gg (documento allegato) dal primo diniego, attribuendo tutte le responsabilità al Sindaco di Albano. ( L’unico in definitiva che avrebbe potuto accedere a quei documenti.)
La strada principale da percorrere per vincere in maniera definitiva la battaglia che da 5 anni portiamo avanti, e’ proprio quella di accedere ai documenti del gestore Nazionale di energia elettrica per bloccare i fondi cip6 (pubblici) destinati alla costruzione del mega inceneritore.
Proprio per questo (in vista del sit-in in discarica del 2 Marzo ) venerdì 22 Febbraio chiamiamo un' assemblea pubblica sotto gli uffici del GSE, in via Maresciallo Pilsudski n. 92 per le ore 10.00, confidando nell’assoluta buona fede dei dirigenti di questo ente pubblico ed essendo certi del fatto che nessuno si assuma la responsabilita’ di erogare denaro pubblico in maniera così “ leggera”.
Ritengo indispensabile la partecipazione del Sindaco di Albano Nicola Marini e del delegato ai rifiuti Luca Andreassi, che con la loro presenza attribuirebbero peso politico al Sit-in e dimostrerebbero la vicinanza ai cittadini ed alle associazioni del territorio.
Ne sono sempre più convinto, UNITI, VINCIAMO NOI. AD ALBANO NON SI PASSA.
Simone Carabella 




NO INC - CONFERENZA STAMPA SOTTO LA SEDE DEL GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI.


I cittadini hanno il diritto di sapere con quali soldi verrà costruito, se verrà costruito, l'inceneritore dei Castelli Romani. Il Gse potrebbe risolvere diversi interrogativi alle domande che porranno i rappresentanti del coordinamento No Inc.
PARTECIPARE É IMPORTANTE... NON DELEGARE.
Al termine del seguente comunicato ci sono tutti i prossimi appuntamenti del Comitato No Inc a cui siamo invitati per una massima partecipazione e condivisione.
COMUNICATO STAMPA
Venerdì 22 febbraio, a partire dalle ore 10.30, il comitato NO INC ha organizzato una Conferenza Stampa/sit-in sotto la sede romana del Gestore dei Servizi Energetici (GSE), in Viale Maresciallo Pilsudski n. 92. Sono invitati a partecipare la stampa ed i cittadini. Il comitato intende presentare ai funzionari del GSE tutte le domande necessarie a capire se il monopolista dei rifiuti Manlio Cerroni, l’Acea e l’Ama, percepiranno indebitamente i 400 milioni di euro CIP-6 di fondi pubblici necessari a costruire l’inceneritore dei Castelli Romani, messi al bando dall’UE.”
Se quindi il prossimo 7 Marzo, come richiesto dall’Area Rifiuti della Regione Lazio, comincerà davvero il cantiere, sarà a spese dell’erario pubblico?
Il 14 gennaio scorso, la Regione Lazio ha inviato al Gestore dei Servizi Energetici, GSE, ed al Co.E.Ma. (di Cerroni, Acea ed Ama) una diffida ad avviare, entro e non oltre il prossimo 7 marzo, il cantiere per la costruzione dell’inceneritore dei Castelli Romani.
Un’ulteriore “pressione” che segue la recente determinazione regionale n. B-00266 del 29 gennaio con cui è stato approvato, in via definitiva, il nuovo crono-programma del Co.E.Ma. che scandisce i tempi di realizzazione dell’impianto brucia-rifiuti di Albano.
Tra l’altro, il 13 febbraio il GSE ha rifiutato, inspiegabilmente, per la quarta volta, una richiesta di accesso agli atti promossa dalla conferenza dei dieci sindaci di bacino. Richiesta relativa alla convenzione preliminare Co.E.Ma./GSE del giugno del 2009. Ovvero all’atto che pretenderebbe di scaricare sull’erario pubblico il costo della realizzazione dell’Inceneritore dei Castelli Romani, attraverso una forma di contribuzione statale denominata CIP-6/92, costituita dal 7x100 della bolletta elettrica, per un importo totale pari a circa 400 milioni di euro.
Alle richieste di accesso agli atti formulate prima dal comitato No Inc, poi dal consigliere regionale Ivano Peduzzi, in seguito dal Sindaco di Albano Laziale ed, ora, addirittura dalla Conferenza dei Sindaci di bacino, i funzionari del GSE oppongono una “fitta giurisprudenza” suggerita dal Co.E.Ma.. Eppure, come noto, la giurisprudenza - ovvero l’insieme delle sentenze passate in giudicato emesse dai Tribunali italiani - non costituiscono, nel nostro ordinamento giuridico, un vincolo neanche per i giudici, che sono “soggetti solo alla legge” (art. 101, 2° comma, Costituzione Italiana). La giurisprudenza (targata Co.E.Ma) costituisce forse un vincolo per i soli funzionari del GSE? E, soprattutto, cosa c’è, in quella convenzione preliminare Co.E.Ma/GSE, che i cittadini dei Castelli Romani e ben dieci Sindaci di bacino, non possono e non devono conoscere? Evidentemente qualcosa di molto importante se, in una lettera inviata al Sindaco di Albano Laziale Nicola Marini il 18 Luglio scorso, il dimissionario amministratore delegato della Pontina Ambiente di Cerroni, Ing. Francesco Rando, si mostrava fortemente risentito per l’accesso agli atti del Comune di Albano al GSE. Tanto da sospendere una transazione economica in corso col rischio di mandare in default il Comune di Albano.
Il 21 novembre 2012, tra l’altro, il Co.E.Ma. di Cerroni, di Acea ed Ama, ha richiesto, esplicitamente, l’intervento dell’Area Rifiuti della Regione Lazio per “convincere” il GSE a sottoscrivere, dopo la convenzione preliminare di giugno 2009, anche una convenzione definitiva. Perché questa indebita pressione? E, soprattutto, quali ostacoli sono stati riscontrati, fino ad oggi, dal GSE?
Unica certezza, per ora, è che la contribuzione CIP 6/92, per gli impianti di incenerimento come quello di Albano, è “scaduta” il 31 dicembre 2008, ad eccezione di quelli già in fase di cantierizzazione. E, come è ormai noto, il presunto avvio del cantiere Co.E.Ma. del 29 dicembre 2008, si fonda su un’ordinanza di Marrazzo (n. Z-0003 del 22 ottobre 2008) bocciata sia dal Tar del Lazio sia dal Consiglio di Stato (Sentenza del Tar del Lazio n. 36740/2010; Sentenza del Consiglio di Stato n. 1640/2012).
Allora, la stipula della convenzione preliminare Co.E.Ma./GSE di giugno 2009, ha avuto forse come presupposto il presunto inizio dei lavori di costruzione dell’Inceneritore dei Castelli Romani bocciato dal Consiglio di Stato?
E quali accertamenti sono stati eseguiti dal GSE per verificare il reale inizio delle attività di costruzione dell’Inceneritore entro e non oltre la data del 31 dicembre 2008?
Ed infine, il GSE, controllato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, si è piegato forse alla “pressioni” del Co.E.Ma del monopolista dei rifiuti della Regione Lazio, Manlio Cerroni, di Acea e di Ama?
Per porre ai dirigenti del GSE tutte queste ed anche altre domande, venerdì prossimo, 22 febbraio, a partire dalle ore 10,30, il NO INC ha organizzato una Conferenza Stampa/Sit-In, sotto la sede romana del Gestore dei Servizi Energetici, in Viale Maresciallo Pilsudski, 92.
Crediamo, in ogni caso, sia necessario che il Sindaco di Albano, Nicola Marini, proceda velocemente con l’adempimento delle richieste avanzate, ormai da mesi – e ribadite anche nel corso dell’ultimo consiglio comunale di lunedì 4 febbraio - dal comitato No Inc, ovvero:
  • Che si richieda alla Regione Lazio di avviare, con estrema urgenza, il procedimento di riapertura, revisione ed annullamento dell’Autorizzazione Ambientale relativa all’Inceneritore dei Castelli Romani, come previsto dall’art. 9 della Legge n. 59/2005.
  • Che venga convocata, come indicato, recentemente, dalla Regione Lazio, una conferenza dei servizi sul tema caratterizzazione geologica ed idrogeologica della discarica di Roncigliano, e si richieda alla società Pontina Ambiente di Cerroni di mettere a disposizione dell’Amministrazione comunale i dati relativi alle analisi svolte nei mesi scorsi dal CNR nei pozzi interni al noto sito di smaltimento dei rifiuti indifferenziati, in modo di avere immediata conoscenza dello stato delle falde acquifere locali.
  • Convocazione di un consiglio comunale straordinario aperto alla partecipazione della cittadinanza per discutere del tema dell’avvio del cantiere per la costruzione dell’inceneritore dei Castelli Romani.
I prossimi appuntamenti No Inc a cui è invitata a partecipare tutta la cittadinanza:

- VENERDÌ PROSSIMO 22 FEBBRAIO 2013, ORE 10,30, DAVANTI LA SEDE DEL GESTORE DEL SERVIZIO ELETTRICO, GSE, VIALE MARESCIALLO PILSUDSKI N. 92, CONFERENZA STAMPA/SIT-IN
- Giovedì 28 febbraio, ore, 18,00, sala Vespignani, adiacente al museo civico, Albano Laziale, assemblea pubblica.
- Venerdì 1 marzo, ore 18,00, sala circoscrizionale di Cecchina, via Rocca di Papa n. 65, assemblea pubblica.
- Sabato 2 marzo, ore 08,00 – 14,00, Sit-In/Assemblea pubblica davanti l’ingresso della discarica di Albano, via Ardeatina Km 24,650.
- Sabato 6 aprile, CORTEO NO INC!

LEGGI ECO 16

lunedì 18 febbraio 2013

ARICCIA, MALCOTTI: REVOCATI FINANZIAMENTI PER LA BRETELLA DI VALLERICCIA

Dall'Assessore regionale ai Lavori Pubblici Luca Malcotti è giunta la notizia che la variante di Vallericcia, tanto voluta e decantata dal sindaco di Ariccia Emilio Cianfanelli, non si farà più. L'opera avrebbe comportato una notevole cementificazione della valle agricola, zona vincolata dal Piano Paesaggistico Regionale della Regione Lazio.

“Il finanziamento di 25 milioni di euro risalente al 2009 per la bretella di Vallericcia non esiste più: in base alle normative infatti il finanziamento è stato revocato dalla Regione Lazio in quanto il Comune di Ariccia non ha prodotto, nei termini stabiliti dalla legge, l’atto d’obbligo necessario”. E’quanto dichiara l’assessore regionale alle Infrastrutture, ai Lavori pubblici e ai Trasporti Luca Malcotti interpellato sulla realizzazione della bretella di Vallericcia. “L’idea quindi di spendere 25 milioni di euro - prosegue l’assessore Malcotti – per una bretella sostanzialmente inutile e devastante per il territorio è naufragata definitivamente. Tra le probabili ragioni della mancata presentazione dell’atto d’obbligo previsto dalla legge – conclude Malcotti – probabilmente il fatto che quest’opera alla fine avrebbe necessitato di risorse persino più cospicue di quelle effettivamente a disposizione. Forse i cittadini di Vallericcia possono tirare un sospiro di sollievo”. (Comunicato ufficio stampa Luca Malcotti)

I cittadini di Ariccia che amano il proprio territorio, come dice l'Assessore, ora candidato con il PDL alla Regione nella prossima tornata elettorale, "forse possono tirare un respiro di sollievo". Certamente la strada che avrebbe tagliato in due Vallericcia, deturpandola per sempre con un progetto denominato in modo ingannevole Collegamento tra Appia-bis e nuovo Opsedale dei Castelli Romani (al massimo collegava l'Appia-bis a via di Vallericcia) era un'opera invasiva e sarebbe stata un nuovo cancro nel nostro territorio tanto amato e sempre sotto assedio. Assediato da interessi che sembrano mirare più al guadagno che alla salute dell'ambiente, si pensi alla centrale a biogas che vorrebbero fare in via delle Grotte nel cuore commerciale di Ariccia, accanto al supermercato InGrande (vedi QUI)
Ora sorge solo una domanda: i soldi (molti soldi) spesi per la progettazione dello svincolo, da noi sempre ritenuto assurdo, quelli spesi in presentazioni, incontri con i cittadini, manifesti e altro non sarebbe stato meglio impiegarli per qualcosa di più utile per la cittadinanza? Non sarebbe stato più utile, per esempio, impiegarli per la manutenzione del Ponte Monumentale, questo si fondamentale tratto viario dei Castelli Romani!? (vedi QUI)
Allora un grazie all'Assessore Malcotti e un grazie a tutti quei cittadini, in particolare quelli del Comitato di Vallericcia,  che si sono sempre opposti in modo onesto e responsabile, impegnando il proprio tempo e ricorrendo anche a vie legali costose come il ricorso al TAR.
Ma la via della salvaguardia dell'ambiente non è finita: altre importanti lotte attendono i cittadini responsabili, prima fra tutte quella contro la costruzione dell'inceneritore dei Castelli.


Fabio Ascani
LEGGI ECO 16


domenica 17 febbraio 2013

Il terremoto vicino casa. SISMA IN PROVINCIA DI FROSINONE


Dal sito della Protezione Civile abbiamo letto il seguente articolo sul terremoto in provincia di Frosinone che, ieri sera (16-02-13), anche molti noi hanno avvertito. 

Vi consigliamo di prestare particolare attenzione all'ultima parte dell'articolo dove, responsabilmente, si rammenta che, ad oggi, non si possono fare previsioni certe, con data, ora e luogo di futuri eventi sismici.

FONTE ARTICOLO (QUI)

Registrata una scossa di magnitudo 4.8 con epicentro a Sora, Isola del Liri e Castelliri
Registrazione scossa simica
Un terremoto di magnitudo 4.8 si è verificato nella serata di ieri, 16 febbraio, alle ore 22.16 in provincia di Frosinone. L’ipocentro è stato localizzato a 11 km di profondità e le località vicine all’epicentro sono i comuni di Sora, Isola del Liri e Castelliri. L’evento è stato nettamente avvertito dalla popolazione, ma non risultano persone direttamente coinvolte dagli effetti del sisma.

Sono ancora in corso le verifiche da parte dei tecnici, ma al momento non si registrano danni rilevanti ad edifici. Le infrastrutture viarie e di trasporto e le reti di gas, acqua ed elettricità non hanno subito danneggiamenti ed è quindi garantita la funzionalità dei servizi essenziali.A seguito dell'evento, i sistemi regionali e locali di protezione civile del Lazio e dell'Abruzzo si sono attivati. Al momento in particolare, oltre alle strutture deputate al soccorso e ai tecnici, sono operative circa 40 squadre di volontari nella provincia di Frosinone per il supporto alle attività delle verifiche sugli edifici e per dare assistenza alla popolazione. È stata istituita un’unità di crisi presso il comando dei Vigili urbani di Sora, dove sono state allestite anche due palestre che potranno ospitare un centinaio di persone.
Il Dipartimento della Protezione Civile monitora l’evoluzione della situazione, in stretto raccordo con il sistema nazionale ed il territorio.
Si rammenta che lo stato attuale delle conoscenze scientifiche non consente di stabilire quante scosse e di quale intensità potranno ancora interessare la stessa area. Si ricorda che forti terremoti sono comunemente accompagnati da altre scosse, ma ogni previsione che indichi con precisione data, ora e luogo, nonché magnitudo di futuri eventi è priva di ogni fondamento. Nelle aree attualmente interessate dai fenomeni sismici, massima attenzione deve essere dedicata alla verifica delle condizioni di sicurezza degli edifici che hanno subito il terremoto e, in particolare, delle strutture strategiche, di quelle più antiche e vulnerabili, monumentali e di culto, e di tutte quelle che mostrano lesioni e danneggiamenti.

Leggi ECO 16

giovedì 14 febbraio 2013

Cianfanelli Patanè... che coppia!

Clicca per ingrandire

Mentre sto scrivendo queste “quattro” righe, in un ristorante di Ariccia, proprio al confine con Genzano, il sindaco Cianfanelli sta presentando Eugenio Patanè ai cittadini convenuti all'evento. Scrive Emilio Cinafanelli che ha anche creato “l'evento facebook”: “Perché propongo di votare per Eugenio Patane' nella lista del PD per il consiglio regionale :perché ha una buona cultura ambientalista ,perché anche se giovane ha fatto l'esperienza necessaria come consigliere comunale diRoma come presidente del PD romano come braccio destro diMario Di Carlo (l'assessore con maggior cultura di problemi di difesa dell'ambiente che ha avuto il Lazio).Perché non e' il sostituto di nessun consigliere regionale,perché siamo certi che risponderà alle nostre richieste di difesa del territorio e contrasto al degrado ambientale,perché siamo impegnati in politica con Lui da anni e ci siamo sempre confrontati su problemi politici e non sui pacchetti di tessere sui posti di potere clientelare che doveva occupare la corrente,perché pensiamo che a lavorare in consiglio debbano andare donne e uomini che considerano loro punto di riferimento NICOLA ZINGARETTI e non iCapibastone che li fanno eleggere con i loro pacchetti di voti Clientelari”. (copiato e incollato senza intervento alcuno).
Ma chi è il Patanè che si presenta con lo slogan sui manifesti, alquanto criptico e sgrammaticato, “IO SIAMO NOI”?
Clicca per
ingrandire
Eugenio Patanè è un uomo con un passato di militanza nella Margherita e poi nel PD romano, di cui è oggi il presidente. Patanè è stato amico dello scomparso Mario Di Carlo di cui traccia un ricordo nel link http://eugeniopatane.it/2011/05/25/mario-di-carlo-keith-haring-e-i-gioiosi/, e dov'è scritto: Di Carlo amava Hundertwasser: pittore, scultore, architetto, ecologista austriaco, personaggio eclettico e controverso, che anticipò alcuni concetti di bioarchitettura. In lui, Mario rivedeva un po’ se stesso, tanto da aver voluto partire per un viaggio proprio per respirare quei territori dove Hundertwasser aveva lavorato, per vedere le sue realizzazioni più importanti tra le quali il termovalorizzatore di Vienna, un’opera straordinaria”. Da Di Carlo ha imparato molto, probabilmente anche una certa idea di gestione dei rifiuti, quella che prevede il loro smaltimento finale negli inceneritori. In un suo scritto di Novembre 2006 sul bimestrale GRAFFITIROMANI, scriveva così: Rifiuti LA QUESTIONE DELLA DISCARICA DI MALAGROTTA E IL TERMOVALORIZZATORE E’ stata approvata in Consiglio Comunale il 6 novembre con il voto favorevole di tutta la maggioranza escluso quello di una consigliera di Rifondazione la mozione sulla realizzazione del gassificatore a Malagrotta. Non v’è dubbio che all’interno della maggioranza esistessero ed esistano posizioni politiche diverse sulla questione rifiuti. La sinistra estrema ritiene che la soluzione per l’emergenza rifiuti sia da ricercarsi nel semplice aumento della raccolta differenziata, mentre le forze riformiste credono che il ciclo dei rifiuti debba essere chiuso nella sua globalità e che dunque l’aumento della raccolta differenziata sia tanto prioritaria quanto la realizzazione degli impianti di smaltimento e di valorizzazione energetica dei rifiuti. La mozione approvata è un punto di mediazione tra le due posizioni e in sostanza ribadisce la centralità dell'Ama nella gestione del ciclo rifiuti e chiede un impegno "per assicurare che le aziende pubbliche diventino sempre più realtà di rango industriale attraverso il completamento dell'impiantistica già avviata e la realizzazione di nuova impiantistica per il trattamento, lo smaltimento e il riutilizzo finale dei rifiuti. In questo quadro si chiedono tempi certi per la conclusione del conferimento del rifiuto indifferenziato in discarica" nonché "un'attenta riflessione sulle tecnologie impiegate, attraverso un sistema di monitoraggio ambientale continuo affidato ad un soggetto pubblico che adotti, rispetto ai livelli di emissione, l'applicazione di parametri migliorativi rispetto alle normative vigenti garantendone una costante comunicazione ai cittadini".
Non solo, se andiamo a curiosare sul sito internet di Patanè possiamo trovare che, in relazione alla gestione dei rifiuti, oggi dice: “valorizzare dal punto di vista energetico la parte organica del rifiuto attraverso la produzione di biogas.
Non stiamo qui a puntualizzare ancora una volta cosa pensiamo di inceneritori e di biogas (che poi di bio, che vuol dire vita, no ha proprio nulla) ma non rimaniamo affatto stupiti che a proporre Patanè ai Castelli Romani sia proprio Emilio Cianfanelli, uno dei firmatari della lettera del 16 luglio 2007 nella quale si chiedeva al presidente della Regione Lazio, Marrazzo, la chiusura del ciclo dei rifiuti sul territorio di Albano, anche con la realizzazione di un “gassificatore”.


Ecco la lettera
Leggi anche ECO 16

martedì 12 febbraio 2013

Ariccia - SEQUESTRATO IL CANTIERE DI VIA I. ALEANDRI A VILLA FERRAJOLI

clicca sulle foto per ingrandirle


dal programma della
giunta Cianfanelli




Nel programma elettorale della giunta Cianfanelli di Ariccia era previsto un parcheggio interrato in zona Villa Ferrajoli. È passato molto tempo dalla promessa elettorale ed ecco che  lì qualcosa è “spuntato” ma proprio non sembra un parcheggio interrato ma una palazzina! Di questa costruzione, appena iniziarono i lavori, a febbraio 2012, denunciammo su ECO 16 che non sembrava proprio si stesse facendo un parcheggio ma edilizia residenziale con annessi alcuni parcheggi, che ovviamente sarebbero stati occupati, come naturale, dai futuri nuovi residenti. Oggi, a distanza di un anno il cantiere è fermo, sotto sequestro giudiziario. Evidentemente non solo in quel luogo non si è compiuto ciò che era stato promesso ma ciò che è stato fatto ha attirato le attenzioni della magistratura che ha ritenuto di dover mettere il tutto sotto sequestro. Vedremo cosa accadrà in seguito. Per ora abbiamo di fronte una pagina che ci pare decisamente poco limpida per Ariccia e la sua amministrazione.
LEGGI ECO 16

lunedì 11 febbraio 2013

FUMO - Forse non tutti sanno che...


Forse non tutti sanno che...
1) In Italia si fumano 51 miliardi di sigarette l'anno. I mozziconi rappresentano il 37% dell'immondizia presente nel Mar Mediterraneo.
2) Nelle coltivazioni di tabacco l'uso dei pesticidi e antiparassitari è particolarmente abbondante con danni per il suolo, gli animali e per l'uomo!
3) Le cicche di sigaretta sono causa di un numero di incendi elevatissimo: solo in Inghilterra, nel 1999, 5200 incendi!
4) Senza fumo si salverebbero 6 milioni di vite ogni anno nel mondo.
5) Chi fuma un pacchetto al giorno assorbe in un anno l'equivalente di una tazza di catrame!
6) I provvedimenti anti fumo adottati nella Olmest County (Minesota) hanno ridotto gli attacchi di cuore fra la popolazione da circa 150 a 100 ogni 100.000 abitanti. Ricercatori americani hanno effettuato uno sulle ripercussioni avute dalla legge antifumo nei ristoranti della Contea e da quella che dal 2007 lo vieta in tutti i luoghi di lavoro, compresi i bar. I risultati hanno dimostrato che il numero di infarti si è ridotto del 33% mentre quello delle morti improvvise è sceso del 17%.
7) Il fumo passivo è correlato alla comparsa di malattie cardiovascolari anche nei non fumatori, e secondo alcuni studi i suoi effetti nefasti possono essere paragonati a quelli derivanti dal fumo attivo.
8) Secondo uno slogan “dal sapore forte” BACIARE UN FUMATORE É COME LECCARE UN POSACENERE!
SE AMI LA VITA, SE RISPETTI L'AMBIENTE NON PUOI FUMARE!
E ora date un'occhiata a questo video e guardate cosa va a finire nei polmoni dei fumatori...


LEGGI ECO 16