venerdì 28 febbraio 2014

Lettera aperta al sindaco di Ariccia Emilio Cianfanelli

Il cittadino di Ariccia Daniele Nardulli ha scritto una lettera aperta pubblicandola sulla pagina Facebook del Gruppo Ariccia, chiedendo  all'amministrazione a fare "dettagliate relazioni sui plessi scolastici", il luogo dove i nostri figli trascorrono molte ore della settimana, un luogo che deve essere sempre sicuro e confortevole. Fino ad ora non c'è stata alcuna risposta dall'amministrazione.


LETTERA AL SINDACO.

Sig.Sindaco di Ariccia, 
abbiamo ascoltato il discorso del nuovo Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante il quale ha manifestato la volontà di far partire il suo programma dalla ristrutturazione delle scuole o, meglio precisato, dallo sblocco dell'edilizia scolastica.
Ha annunciato ai senatori presenti in aula che chiederà a tutti i sindaci d'Italia una dettagliata relazione di richieste per la sistemazione o la ricostruzione di plessi scolastici.
Ariccia come tutti sappiamo è a corto di fondi, le casse sono vuote.
Con la presente nota invito e consiglio alla SV e all'assessore all'istruzione di iniziare sin da oggi a preparare dettagliate relazioni sui singoli plessi scolastici.
Relazioni che possono essere redatte dagli attuali tecnici comunali senza dispendio di somme di denaro da versare a tecnici da convenzione.
Non facciamoci trovare impreparati o a redigere quanto sarà chiesto solo pochi giorni dalla scadenza di consegna perchè in questi casi così come dice un vechio proverbio :" la gatta frettolosa fece i figli ciechi".
Le relazioni potrebbero essere incomplete e di conseguenza si potrebbero perdere opportunità di sovvenzionamenti statali.
Sono certo di una vs capacità a recepire quanto chiesto.
Vi auguro Buon Lavoro.
Ricordiamoci che nei plessi scolastici ci vanno i nostri figli e che la loro sicurezza deve essere posta al primo posto.

Distinti saluti.

mercoledì 26 febbraio 2014

Risultati della consultazione per l'espulsione dei senatori Battista, Bocchino, Orellana e Campanella


I cittadini iscritti al Movimento 5 Stelle hanno deciso. Democraticamente.


 Hanno partecipato alla votazione 43.368 iscritti

 certificati.

29.883 hanno votato per ratificare la delibera di espulsione.


13.485 hanno votato contro.


Ancora aria irrespirabile dalla discarica di Roncigliano. I cittadini in strada per una protesta spontanea.

Ieri sera un odore nauseabondo ha iniziato a sprigionarsi dalla discarica di Roncigliano rendendo l'aria irrespirabile. In pochi minuti il tam tam dei cittadini ha portato molte persone davanti i cancelli dell'impianto per una protesta spontanea. È stato chiamato anche il sindaco Marini, che si è presentato. 
Ma ora ci vogliono risposte, fatti concreti, soluzioni. Saprà rispondere l'amministrazione a quest'emergenza che dura ormai dall'estate con punte di criticità sempre più gravi? Occorrono fatti. Le persone sono stanche e hanno il diritto di respirare aria pulita. Occorre una risposta forte! Subito.


Di seguito il comunicato stampa ufficiale del No Inc


“Albano ed Ardea invase di nuovo dalla puzza proveniente dall’impianto TMB e dal VII invaso della discarica. “
“Il tanfo, in questi giorni, raggiunge i centri storici dei Comuni dei Castelli Romani.”

1)     Da destra: il sindaco di Albano, Nicola Marini,
 un vigile urbano di Albano, il consigliere
 comunale Salvatore Tedone ed il vice-sindaco
 e Assessore ai Lavori pubblici Maurizio Sementilli.
La discarica di Albano è tornata di nuovo a puzzare in modo violento, in particolare negli ultimi giorni, probabilmente da quando nel cimitero dei rifiuti dei Castelli Romani arriva anche la “monnezza” di Civitavecchia e Monterotondo (11 febbraio). E’ per questo che ieri sera martedì 25 febbraio, intorno alle 21,00, circa 100 persone si sono radunate spontaneamente fuori i cancelli d’ingresso del sito, lungo la via Ardeatina al km 24,650. Ad arrivare per primi, subito dopo la chiamata di alcuni cittadini, la Polizia ed i Carabinieri di Albano. Dopo mezz’ora, sono giunti sul posto anche due ispettori del Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene e Sanità Pubblica, della Asl Rm-H, dott.ssa Rita Abbatini e dott. Enzo Abbatini, che hanno potuto apprezzare l’olezzo insopportabile proveniente dall’impianto TMB e dal VII invaso della discarica. Nella giornata odierna stenderanno un verbale di intervento in cui, molto probabilmente, come già avvenuto nel recente passato, chiederanno all’Arpa Lazio (Agenzia Regionale di protezione ambientale), alla Provincia di Roma ed al Comune di Albano di intervenire prontamente per eseguire i controlli prescritti dalla legge.

1)     Un istantanea della serata. Ispettori della
 Asl, Polizia e Carabinieri e numerosi
 cittadini di Albano ed Ardea.
A quell’ora, tra l’altro, era in pieno corso di svolgimento ad Albano, nell’aula consiliare di Palazzo Savelli, un consiglio comunale. Appena chiusa la seduta, intorno a mezzanotte, il sindaco Nicola Marini, il vice-sindaco e Assessore ai lavori pubblici Maurizio Sementilli, il delegato ai rifiuti Luca Andreassi ed i consiglieri Tedone ed Oroccini, dopo essere stati avvertiti telefonicamente da alcuni cittadini, e dopo l’accorato intervento in aula del consigliere Nabil Cassabgi, si sono recati sul posto.
Certo che la discarica di Roncigliano dall’11 febbraio scorso, oltre alle 300 tonnellate di rifiuti indifferenziati al giorno prodotte dai 10 comuni dei Castelli Romani (Albano, Ariccia, Marino, Rocca di Papa, Pomezia, Ardea, Castel Gandolfo, Genzano, Lanuvio e Nemi.) riceve anche circa “200 tonnellate” al giorno da Civitavecchia e Monterotondo, come dichiarato ieri sera dal delegato ai rifiuti Luca Andreassi. Per un totale di circa 500 tonnellate al giorno.

Dopo questa ennesima emergenza igienico-sanitaria, ancora in corso di svolgimento, restano tante le competenze amministrative a carico dell’Amministrazione di Albano, guidata dal sindaco Nicola Marini, che sono e restano da tempo totalmente inevase. E’ necessario difatti, prima di tutto, portare avanti la cosiddetta Caratterizzazione Esterna ed Interna della discarica. Si tratta di analisi molto approfondite dei terreni tutto intorno e delle falde acquifere sottostanti il sito di Roncigliano. Per conoscere il livello reale d’inquinamento dell’intera area ed eseguire, subito dopo, come previsto dalla legge, una bonifica adeguata. La Giunta comunale, tra l’altro, il 7 dicembre 2012, sottoscrisse con l’Ente di Ricerca CNR una convenzione, che è costata al Comune di Albano 30 mila euro, per eseguire in soli 4 mesi, quindi entro Aprile 2013, la caratterizzazione esterna della discarica che, però, ad oggi ancora non è stata portata a termine. E’ importante, in secondo luogo, capire se l’impianto TMB della discarica di Albano - dove tutta la spazzatura in arrivo viene trattata e suddivisa in “frazioni” minori - funzioni correttamente, con un’apposita ispezione della durata di almeno due settimane, visto e considerato, non bastasse la puzza che sprigiona dall’impianto TMB e dalla vicina discarica, che il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri, N.O.E., ha sollevato nella recente inchiesta sui rifiuti forti perplessità in merito. Ma serve anche, infine, procedere ad una “mappatura” volumetrica del VII invaso, per capire se al suo interno siano stati interrati - come ipotizzato dagli inquirenti delle Procure di Roma e Velletri  - anche rifiuti non autorizzati. Per prevenire fenomeni di puzza violenta, come quelli che si stanno verificando in questi ultimi giorni, che creano danni alla salute umana ed all’ambiente ma, soprattutto, per evitare che con l’esaurimento precoce del VII invaso - che avrebbe dovuto durare almeno 8 anni ed è invece quasi esaurito in appena 2 e mezzo - si arrivi, presto, alla costruzione dell’VIII invaso, a distanze dalle case ancora inferiori agli attuali 175 metri. Nella speranza che, presto, tutte le dieci Amministrazioni Comunali riescano a far partire e consolidare l’unica vera alternativa al business mortale delle discariche e degli inceneritori: la Raccolta Differenziata Porta A Porta.




Dalla pagina facebook di Simone Carabella, attivista e leader No Inc leggiamo e riportiamo.






(nelle foto di Andrea Avagliano alcuni momenti della protesta di ieri sera. clicca sopra per ingrandire)




Voglio rendere partecipi i Cittadini di ciò che è successo stanotte di fronte la discarica di Albano. 
La puzza era insopportabile, la gente vomitava, le gole bruciavano.
Si è deciso di chiamare il Sindaco di Albano essendo il primo Cittadino la massima autorità sanitaria.
Il sindaco arriva accompagnato dai suoi, Andreassi e T
edone i quali si limitavano ad annuire e sorridere al comando del loro capetto.
Salvatore Tedone, mi hai deluso, da te un atteggiamento del genere non mel aspettavo.
I Cittadini facevano domande ( chi era stato operato di tumore, chi aveva perso un polmone, chi aveva perso un caro) ed il sindaco infastidito si limitava a sviare la discussione passando la palla ai suoi .
Ma i Cittadini sono forse colpevoli di stare male per colpa di una discarica?
È forse colpa Loro se i bambini stanno male per la puzza e non vogliono più accettare questa situazione?
Dov è finito il Brave Heart che poco più di un mese fa sbatteva i pugni chiedendo un incontro urgente col presidente Zingaretti per tutelare i Cittadini?
Cosa pensano di ottenere con questi atteggiamenti?
Stanno forse provocando cercando reazioni inconsulte?
Queate reazioni non ci saranno.
Perché invece di arrivare in gruppo , magari scortati, non rendono i Cittadini consapevoli di ciò che sta avvenendo?
Arrivano i camion da Civitavecchia? E da Monterotondo?
Vengono pesati? E la caratterizzazione Interna alla discarica?


COME RAPPRESENTANTE DI CENTINAIA DI CITTADINI, CHIEDO UFFICIALMENTE AL SINDACO MARINI DI ACCETTARE UNA DISCUSSIONE FORMALE APERTA AI CITTADINI ED ALLA STAMPA DOVE SI POSSA FARE UN PÒ DI CHIAREZZA SULLA VITA DEI CITTADINI E SULLO STATO DELLA DISCARICA.
Capisco che per accettare un invito del genere servano le PALLE e capisco anche che è più semplice fare finta che questo INVITO non ci sia mai stato ma così non è.
La situazione sta degenerando e ieri sera abbiamo faticato molto per non far accadere il peggio soprattutto dopo le provocazioni del sindaco, non so per quanto ci riusciremo.
Resto in attesa di risposta. 

martedì 25 febbraio 2014

Musica - Francesco Di Giacomo Storica voce del Banco Del Mutuo Soccorso


Il 21 febbraio è venuto a mancare Francesco Di Giacomo, a causa di un incidente stradale a seguito di un malore mentre era alla guida della sua auto, nei pressi della sua abitazione a Zagarolo.
Noi di ECO16 più volte abbiamo parlato del Banco del Mutuo Soccorso, della loro grandiosa carriera, e della loro capacità di essere sempre l’esempio più alto progressive italiano. Sono passati più di 40 anni da quando in uno scantinato di Marino, usato come sala prove, Vittorio Nocenzi dava vita a quella che ancora oggi da tutti è ritenuta la formazione più rappresentativa del rock progressivo italiano. Insieme alla Premiata Forneria Marconi e alle Orme, ha portato il progressive a livelli di pura eccellenza, senza avere nulla da invidiare a gruppi internazionali come Gentle Giant, Jethro Tull, Emerson Lake & Palmer o Genesis. E la loro grandezza si è vista già dal loro primo album del ’72, dal titolo “Banco del Mutuo Soccorso”. Da li tanti altri album si sono aggiunti alla loro discografia, ed ogni uscita è stata sempre una conferma della loro grandezza.
Gran parte del merito di questo lunghissimo successo, oltre che a Vittorio Nocenzi e Rodolfo Maltese, va a Francesco Di Giacomo che, oltre ad essere la voce solista del gruppo da sempre, è stato autore dei testi di gran parte delle opere del Banco.
Il 27 febbraio p.v. dalle 15 alle 19, presso la Sala delle Bandiere di Palazzo Rospigliosi a Zagarolo, sarà possibile dare un ultimo saluto a questo grande artista. Si chiede di non portare fiori, ma se si vuole, si può dare un contributo ad Emergency.

Gianni Casciano

Per tutte le informazioni su Francesco Di Giacomo e sul Banco del Mutuo Soccorso:

Banco del Mutuo Soccorso live presso la sala A di via Asiago in Roma, per Radiodue live:


Trovata volpe ferita nel Parco dei Castelli Romani - "Il rispetto per la natura che ci ospita viene prima dei nostri interessi e divertimenti"

Di solito non ci occupiamo di fatti di cronaca ma questa notizia, già apparsa su testate nazionali, riporta alla ribalta la brutta questione della caccia di frodo che evidentemente è ancora presente anche all’interno del Parco dei Castelli Romani.
La vicenda è accaduta ad un gruppo di ciclisti che hanno visto un animale muoversi in un cespuglio. Si sono fermati e hanno avuto la sorpresa di trovarsi di fronte una volpe gravemente ferita alle zampe posteriori, probabilmente da una tagliola messa da bracconieri senza scrupoli. I ciclisti, Gli Stonati dell’Enduro, che hanno anche un gruppo facebook dove hanno raccontato questa storia e dove hanno postato le foto che vedete in quest’articolo,  si sono subito adoperati per far soccorrere il povero animale perché, come ha scritto uno di loro, il rispetto per la natura che ci ospita viene prima dei nostri interessi e divertimenti”, parole meravigliose che devono far riflettere tutti quelli che credono di essere “superiori” o “più importanti” dell’ambiente che li ospita, che non hanno rispetto per la natura e per gli animali e noi, che siamo contro la caccia sportiva a maggior ragione condanniamo ogni forma di caccia di frodo.

(clicca sulle foto per ingrandirle)


Questo è quanto abbiamo letto sul sito dell’Anpana Lazio:


La Delegazione Territoriale Provinciale ANPANA Roma 4 Castelli Romani – Comando Albano Laziale, nella persona del suo Comandante ha soccorso nel cuore del Parco Regionale dei Castelli Romani una meravigliosa volpe verosimilmente rimasta ferita da una trappola di un bracconiere.
L’intervento e stato possibile grazie all’allerta lanciato da Carlo e Manuel, due ragazzi amanti della natura, degli animali e della Mountain Bike che subito hanno cercato di mettersi in contatto con qualcuno che potesse aiutare l’animale. GRAZIE!!! Il Comandante ANPANA è intervenuto prontamente ed ha prestato i primi soccorsi. Successivamente in collaborazione con i Guardia Parco dei Castelli Romani, a cui vanno i nostri ringraziamenti, l’animale è stato preso in carico e condotto in un centro veterinario per le cure del caso. (fonte clicca QUI)

lunedì 24 febbraio 2014

Il Governo Renzi

nella foto non è presente il neo ministro all'Economia Padoan
In attesa della votazione della fiducia ecco tutti i nomi del Governo Renzi:


Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio - GRAZIANO DELRIO;
ministro dell’Interno - ANGELINO ALFANO;
ministro del Lavoro e delle Politiche sociali - GIULIANO POLETTI;
ministro dell’Istruzione - STEFANIA GIANNINI;
ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti - MAURIZIO LUPI;
ministro dell’Economia - PIER CARLO PADOAN;
ministro della Salute - BEATRICE LORENZIN;
ministro delle Politiche Agricole - MAURIZIO MARTINA;
ministro della Difesa - ROBERTA PINOTTI;
ministro degli Affari regionali - MARIA CARMELA LANZETTA;
ministro per i Beni culturali e per il Turismo - DARIO FRANCESCHINI;
ministro della Giustizia - ANDREA ORLANDO;
ministro degli Esteri - FEDERICA MOGHERINI;
ministro delle Riforme e dei Rapporti con il Parlamento - MARIA ELENA BOSCHI;
ministro per lo Sviluppo Economico - FEDERICA GUIDI;
inistro dell’Ambiente - GIANLUCA GALLETTI;

ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione MARIANNA MADIA.