mercoledì 31 luglio 2013

LA DISCARICA DI RONCIGLIANO E LA MONDEZZA DI ROMA


Tra sentenze deludenti e domande che rimangono senza risposta.

Da venerdì 25 gennaio 2013, in seguito al Decreto Clini, la discarica di Roncigliano ad Albano (frazione di Cecchina) ricevere, ogni giorno, 150 tonnellate di spazzatura indifferenziata proveniente da Roma. Oltre alle 300 tonnellate al giorno provenienti dai Castelli Romani. Totale: circa 450 tonnellate di rifiuti indifferenziati al giorno.
Ammesso e non concesso che queste quantità vengano rispettate, da allora sono arrivate nella discarica di Albano circa 28 mila tonnellate di spazzatura indifferenziata romana, oltre alle circa 60 mila tonnellate locali ovvero un totale di 90 mila tonnellate. Questa quantità è intorno  ad 1/5 della capacità massima del VII invaso, stimata da progetto in circa 500 mila tonnellate.
Se si continua così non ci vorrà molto per colmare l'invaso, a meno che la “mondezza romana”, come da decreto Clini, una volta trattata non riesca da Roncigliano per finire nella discarica di Roma.

Nel frattempo su questa vicenda ci sono stati ricorsi al TAR e contro ricorsi al Consiglio di Stato e, come ci sembra che spesso accada, con una logica che non comprendiamo, la sentenza dell'ultimo ha contraddetto la sentenza del primo. Su questo ecco il comunicato del Sindaco di Albano Nicola Marini:

RIFIUTI/CONSIGLIO STATO, MARINI: LE RAGIONI DEL DIRITTO PIEGATE ALLE “RAGIONI DELLA NECESSITA’ ”


Il Consiglio di Stato ha accolto la richiesta di sospensiva della sentenza con cui il TAR del Lazio aveva bocciato i due decreti emanati a gennaio e marzo dall'allora Ministro dell'Ambiente Corrado Clini, con questa spiegazione “al fine di prevenire i disagi e le emergenze di natura sanitaria”, dichiara il Sindaco di Albano Laziale, Nicola Marini. “Sorprende che questa motivazione, con la quale il TAR del Lazio aveva accolto il ricorso presentato dal Comune di Albano Laziale, venga oggi utilizzata dal Consiglio di Stato per ribaltare il provvedimento. Così come rimaniamo interdetti dall'assenza di valutazioni tecniche da parte del Consiglio di Stato relativamente alle eccezioni di illegittimità e straripamento dei poteri sollevate sempre dal TAR del Lazio.”

Ma – conclude Marini - la cosa che lascia davvero stupefatti è la scelta di fissare l'udienza di merito per il primo trimestre del 2014, quando l'efficacia del provvedimento decade a novembre 2013. Viene il dubbio se le ragioni del diritto vengano piegate alle “ragioni della necessità”. Non è una notizia che ci rallegra ovviamente ma non inficia affatto la nostra quotidiana lotta per la difesa del territorio e della salute dei cittadini”.

Albano Laziale, 31 luglio 2013

A questo punto diventa ancora più impellente, a nostro giudizio, che si risponda alla domanda-richiesta che il No Inc pone ormai da tempo all'amministrazione comunale e che è espressa anche nell'ultima ecoballa di Daniele Castri pubblica oggi 31 luglio su facebook: “Chiediamo quindi, per l’ennesima volta, all’Amministrazione Marini, opportuni controlli sul peso di tutti gli automezzi AMA in entrata ed uscita dalla locale discarica. Controlli ampiamente previsti dalla legge (articoli n. 190 e n. 193 della Legge n. 152 del 2006).
Perché il peso di tutti gli automezzi in entrata ed uscita dalla discarica di Roncigliano non viene reso pubblico quotidianamente?
Fabio Ascani

STORIE DI GESTIONE DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRODOTTI NEL CORSO DEL DIS-CAMPING NO-INC 2013


Materie prime-seconde, non rifiuti.
Per il secondo anno consecutivo, tutti i “rifiuti” prodotti nel corso del Dis-camping 2013, diventeranno risorsa economica e saranno re-inseriti nel ciclo commerciale, produttivo ed industriale come materie prime-seconde.
Difatti tutti, ma proprio tutti i “rifiuti” prodotti nel corso delle innumerevoli iniziative che hanno caratterizzato il DisCamping 2013 (colazioni, pranzi, cene, concerti, proiezioni di film, assemblee pubbliche, laboratori scientifici, di compostaggio e produzione saponi, etc), per un totale di circa 100 kg, sono stati rigorosamente differenziati, con un servizio di raccolta mono-materiale, e poi avviati verso processi industriali (locali) di riciclo a freddo.
In modo particolare, il 40% circa di umido è finito direttamente in compostiera e, molto presto, diventerà fertilizzante pronto all’uso domestico (vasi, orti e giardini), senza bisogno di utilizzare alcuna centrale a cosiddetto Bio-Gas o Bio-Massa. Mentre il 30% di plastica, il 15% di alluminio e il 5% di carta, anziché essere avviati, come avviene di solito, a combustione in uno dei tanti Inceneritori della Regione Lazio, sono stati conferiti presso un’azienda di Cancelliera, per essere riciclati e ri-immessi immediatamente nel mercato. Il 5% di vetro raccolto è stato depositato nelle campane della Provincia di Roma. Ed il restante 5 % circa di indifferenziato è stato smaltito nei cassonetti comunali di Ardea. Il rientro economico per il materiale, con tanto di ricevuta fiscale, che è stato consegnato al “cassiere” del NO-INC.
Nel corso delle operazioni di pre-selezione, controllo e raccolta dei materiali, sono stati utilizzati ben 6 contenitori in plastica, i cosiddetti “bigonci” tipici della vendemmia, per ricordare le storiche vigne che fino a pochi decenni fa caratterizzavano il paesaggio di questi luoghi meravigliosi …

Infine, un ringraziamento particolare a tutti i partecipanti della 3-giorni sotto il VII Invaso di Roncigliano, per l’aiuto e l’accortezza mostrata.
5 - Stelle Albano.



APERTI PER FERIE AL MERCATO CONTADINO DEI CASTELLI ROMANI!



FRUTTA E VERDURA AI BAGNANTI CHE AFFOLLANO LE SPIAGGE DEL LAGO DI CASTEL GANDOLFO. I ROMANI ACCORRONO PER IL PIC-NIC CON I PRODOTTI CONTADINI TRA BOSCHI SECOLARI.

Vacanze?....Sì, soprattutto per quei consumatori che mancano all’appello negli ultimi appuntamenti del Mercato Contadino dei Castelli Romani ad Ariccia, Albano, Castel Gandolfo, Frascati, Pavona e Rocca di Papa!
Ma i produttori del mercato contadino (coltivatori e allevatori), nonostante l’afflusso ridotto di consumatori proprio nel momento in cui la madre terra è più copiosa e generosa, si sono impegnati a non andare in vacanza e, seppur in numero ridotto, a "presidiare" le piazze per continuare ad offrire un servizio a quei cittadini che, per scelta o per necessità, non si sono concessi alcuna partenza. Addirittura è stato aperto un nuovo mercato, quello sul lungolago di Castel Gandolfo, per offrire ai clienti la possibilità di trovarsi in un luogo ventilato e soffrire meno il caldo.
“Un mercato contadino sul lago”, ricorda il Presidente del soggetto gestore del mercato, Elisa di Gennaro, “non si era mai sperimentato nella storia di questa città”. “Con questa iniziativa, aggiunge il Sindaco Milvia Monachesi, “abbiamo voluto offrire un servizio ai cittadini della nostra città ed ai tanti turisti che affollano le nostre spiagge. Poter fare la spesa senza rinunciare alla vacanza, risparmiandosi, dopo una settimana di lavoro, il rito profano degli acquisti in centri commerciali tutti uguali, nei “non luoghi” dei nostri affanni quotidiani.”
Il tempo sacro della festa non viene rubato nemmeno a chi frequenta il mercato contadino di Ariccia, in località Monte Gentile. 
“Un grande successo” ci ricorda Carla Gozzi, responsabile amministrativa del Consorzio Monte Gentile. “Tutto è partito dal basso. I cittadini residenti in quest’area che si sono organizzati per offrire a loro stessi ed ai cittadini degli altri comuni un servizio di qualità, per rompere il rito delle processioni ai supermercati affollati”.
Il mercato contadino sta definendo un accordo con le organizzazioni sindacali del territorio e con i responsabili dei centri anziani dei Castelli Romani per garantire un servizio bus navetta a coloro che vogliono raggiungere il mercato senza usare mezzi privati.
Anche i grandi chef non mancano a sostenere il Mercato Contadino, Fabio Campoli non si è perso l’inaugurazione di Castel Gandolfo, gli piace scegliere personalmente tra i banchi dei contadini fra i tanti prodotti freschi e di qualità magari una nuova birra artigianale da abbinare al pecorino"di fossa"....
“Stiamo anche organizzando un gruppo di acquisto, ci ricorda il rappresentante di un’organizzazione di consumatori per dare la possibilità dei prodotti del mercato contadino anche a chi non potesse, per qualunque motivo, recarsi al mercato.
Nella certezza che la scelta coraggiosa del mercato contadino venga apprezzata, ci si augura che il fresco dei supermercati non abbia il sopravvento e i consumatori continuino a scegliere la filiera corta! Sostenere i prodotti locali e le piccole aziende significa incentivare l’economia e l’agricoltura del territorio per un futuro sostenibile!
Sapori, Saperi e Sorrisi, aperti per ferie a:
Ariccia, parco dello Sporting Club, via delle Cerquette, 65 aperto tutto il mese di Agosto mercoledì, sabato e domenica
Albano, piazza Guerrucci, aperto sabato 3-10 e 24 agosto (chiusura 17 agosto)
Albano-Pavona, piazza Berlinguer, aperto sabato 3-10 e 24 agosto (chiusura 17 agosto)
Castel Gandolfo, via Spiaggia del Lago, aperto sabato e domenica 3-4, 9-10, 24-25 agosto (chiusura 17 e 18 agosto) e si concluderà il 31 agosto.
Frascati, via Grotte Portella, 12 area Tor Vergata, aperto venerdì 2-9-30 agosto (chiusura 16-23 agosto)
Rocca di Papa, via di Frascati, km. 3,750 (ad appena 1 km. da Squarciarelli) aperto giovedì 1-8-29 agosto (chiusura 15 e 22 agosto)
Albano, Piazza Pia, a grande richiesta riaprirà domenica il 1 settembre!

Info: tel. 389 8830642 info@mercatocontadino.org
Facebook: Mercato Contadino Castelli Romani

giovedì 25 luglio 2013

DIS-CAMPING 2013.


Visti i dati delle nuove analisi che attestano la presenza di inquinanti chimici nelle falde acquifere sottostanti la discarica di Roncigliano, con questa quarta edizione del Dis-Camping il comitato No Inc torna a chiedere, con forza, l’immediata riapertura e l’immediato annullamento della procedura di Autorizzazione Ambientale relativa all’Inceneritore dei Castelli Romani.”

I lavori per la preparazione del Dis-Camping quarta edizione fervono. E l’occasione, quest’anno, è davvero propizia. Difatti, dai dati inediti contenuti nelle analisi chimiche pubblicate appena pochissimi giorni sulla sezione trasparenza-rifiuti del Comune di Albano (relativi all’anno 2012), si desume un nuovo e grave inquinamento della falda acquifera sottostante la discarica dei Castelli Romani.
Per il terzo anno consecutivo (dopo i dati Arpa 2010 e 2011) dal rilascio dell’Autorizzazione Ambientale (A.I.A. n. B-3694 del 13 agosto 2009) relativa all’Inceneritore di Albano, emerge la presenza massiccia di elementi chimici particolarmente pericolosi per la salute umana e per l’ambiente. E, in modo particolare, di: Ferro, Arsenico, Nitrati, Dicloropopano, Floruri e Benzene.
Nello specifico, a fronte di un limite massimo ammesso dalla legge per il parametro chimico FERRO pari a 200 micro-grammi al litro, sono stati riscontrati, nel corso dell’anno solare 2012, un totale di ben quattro valori fuori-legge pari: a 2280 mg/l nel pozzo F (12 volte il limite di legge), 1215 mg/l nel pozzo H (6 volte il limite di legge), 400 mg/l nel pozzo G (2 volte il limite di legge) e 245 mg/l nel pozzo H.
Sette in tutto, invece, gli sforamenti per il parametro chimico BENZENE: a fronte del limite di legge pari ad 1 mg/l, sono stati riscontrati, molto recentemente, valori pari: a 2 mg/l (pozzo D) 1,5 mg/l (pozzo D), 1,4 mg/l (pozzo D), 1,3 mg/l (pozzo D), 1,1 mg/l (pozzo D). DUE sforamenti, invece, per il parametro chimico FLORURO. A fronte di un limite massimo di 1500 mg/l, sono stati riscontrati valori pari a 4330 mg/l nel pozzo C (3 volte il limite di legge) e 4100 mg/l nel pozzo H (tre volte il limite di legge). DUE sforamenti in tutto anche per il DIPLOROPOPANO. A fronte del limite di legge pari a 0,15 mg/l, sono stati riscontrati valori pari a 0,28 mg/l nel pozzo B (due volte il limite di legge) e 0,28 nel pozzo F1 (due volte il limite di legge). DUE sformamenti anche per l’ARSENICO. A fronte del limite di legge pari a 10 mg/l, sono stati rinvenuti calori pari a 19 mg/l nel pozzo C e 18,7 nel pozzo E.
Questi nuovi accertamenti dimostrano piena continuità con i dati dell’Arpa Lazio degli anni precedenti, in cui già si riscontravano valori fuori-legge per i parametri chimici: Arsenico e Cloroformio, per l’anno 2010, e Tribromometano, Dibromoclorometano, Benzene, Floruri, Ferro, Arsenico e Manganese per l’anno 2011. Dati che smentiscono, nei fatti, i presupposti utilizzati dal famigerato funzionario della Regione Lazio Luca Fegatelli che, come ben sappiamo, diede il via libera alla costruzione dell’Inceneritore di Albano sul presupposto che: “dall’analisi approfondita delle acque di falda sottostanti la discarica di Roncigliano non sono emersi elementi di criticità” (Luca Fegatelli, 20 aprile 2009, conferenza dei servizi relativa all’Inceneritore di Albano.)
Per ribadire, ancora una volta, la richiesta del comitato NO INC di immediata riapertura e annullamento della procedura amministrativa di Autorizzazione Ambientale relativa all’Inceneritore dei Castelli Romani, da domani sera venerdì 26 luglio, fino a domenica sera 28 luglio, in una vigna situata davanti al VII invaso della discarica di Roncigliano, proprio all'Ingresso di Villaggio Ardeatino (via Ardeatina km 24,650), si terrà la quarta edizione del Dis-Camping.
Tutti i pomeriggi e sere: spettacoli di teatro, laboratori di compostaggio e produzione di saponi, proiezioni di film, concerti, assemblee pubbliche, pranzi e cene ... e tanto altro ancora. Menu vegetariano, vegano e celiaco.
Disponibilità di campeggio gratuito. Wc, punto luce ed acqua potabile.
Info e programma aggiornato su: www.noinceneritorealbano.it
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

mercoledì 24 luglio 2013

LA SENATRICE ELENA FATTORI INCONTRA I CITTADINI


Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Il Parlamento ai cittadini. Con questo spirito Elena Fattori, oggi Senatrice a 5 stelle, era entrata nelle istituzioni dopo l'elezione di Febbraio e su questa linea vuole proseguire il proprio mandato.
Per questo motivo il Movimento 5 stelle di Genzano inizierà una serie di incontri con il territorio cadenzati almeno trimestralmente, se non addirittura con spazi più ridotti, mantenendo come punto focale proprio Genzano di Roma, primo dei quali all'Oasi dell'Olmata sabato 27 luglio alle ore 18.30.
“Non vogliono essere meri incontri di racconto, ma ci piacerebbe che diventino veri e propri momenti di proposta e confronto per continuare un percorso che necessariamente deve presupporre la partecipazione”. Cone queste parole la stessa Elena Fattori invita i cittadini all'incontro di sabato dove avrà l'opportunità di raccontare l'esperienza parlamentare e trasporre le sensazioni e le battaglie intraprese in questi primi cento giorni di navigazione nei tempestosi mari di una politica corrotta e clientelare come quella italiana.
Sempre maggiore è la consapevolezza che senza il sostegno pratico e concreto di tutta al cittadinanza, questo Paese non riuscirà a risollevarsi facilmente e il concetto di delega deve necessariamente essere sostituito da quello di proposta, studio e conoscenza istituzionale, proprio per essere messi nelle condizioni di reagire di fronte alla disattenzione delle istituzioni stesse verso i reali bisogni della popolazione. Quale miglior modo per iniziare se non sfruttare la presenza di una cittadina tra i cittadini?
“Ritengo siano stati i nostri primi 100 giorni, miei e di coloro che credono nella possibilità di un cambiamento culturale nella gestione della cossa pubblica. Con questa consapevolezza voglio continuare per sfruttare un'opportunità irripetibile per il territorio e i cittadini”.
Insomma si cerca un riavvicinamento tra quella che alcuni chiamano società civile e la politica e si cerca di farlo in maniera orizzontale, guardandoci negli occhi, senza barriere.

M5S Genzano di Roma

lunedì 22 luglio 2013

LA PALAZZINA DI VIA IRENEO ALEANDRI - CONVERSAZIONE CON ROBERTO DI FELICE

Forse ricorderete quando alcuni mesi fa parlammo del sequestro della palazzina di Via Ireneo Aleandri ad Ariccia. Se non ricordate potete rinfrescarvi la memoria con questo link:
Certo qualche errore deve essere stato commesso in questa vicenda e certo vedere una palazzina, per di più sotto sequestro della magistratura, proprio dove i cittadini si sarebbero aspettati, viste le promesse elettorali, un parcheggio, fa un brutto effetto. Ne abbiamo parlato con l'amico Roberto Di Felice, leader di Patto Sociale e di Uniti per Cambiare Ariccia.
Ascoltate cosa ci dice.

sabato 20 luglio 2013

FEDERICA DAGA: DIVENTIAMO STRUMENTO PER I CITTADINI


Nel video in questo post riportiamo uno stralcio dell'intervento di Federica Daga con Stefano Vignaroli, parlamentari del Movimento 5 Stelle, durante l'incontro "Fuori Tutto", in Piazza Fagiolo ad Albano, sulla questione dell'inceneritore. 
I parlamentari del Movimento si fanno strumento dei cittadini per lottare e vincere le battaglie sul territorio. Anche chiedere un documento, che dovrebbe essere un normale diritto di ognuno, può diventare difficile, ma i parlamentari possono essere di aiuto perché in una richiesta di accesso agli atti possono aggiungere una semplice frase: “per poter svolgere in nostro mandato parlamentare”, così, avendo questo mezzo, sottolinea Federica Daga, “usiamolo e diventiamo noi stessi strumento dei cittadini”.
Ed effettivamente, come ha anche sottolineato Simone Carabella nel suo intervento di oggi, i neo eletti parlamentari 5 Stelle più volte si sono resi utili e disponibili negli ultimi passi della lotta contro l'inceneritore, per esempio per ottenere la convenzione COEMA GSE o per essere ricevuti al Ministero dello Sviluppo Economico. 

Grillo con Bombardieri a Roncigliano
Ma il Movimento 5 Stelle è stato sempre impegnato sul campo contro il sistema delle discariche e degli inceneritori, Stefano Vignaroli è nato a Roma (Massimina), vicino la discarica di Malagrotta, dove continua a vivere e a lottare per la difesa del territorio, e
vogliamo ricordare quando, anni fa, Emiliano Bombardieri, che ha coordinato l'incontro di oggi, portò davanti i cancelli della discarica di Roncigliano Beppe Grillo.

FANTASTICHE RISATE

.
(clicca sulla foto per ingrandirla)

Grande divertimento ieri sera ad Ariccia. Nell'ambito della rassegna teatrale Fantastiche Visioni i tre comici Oscar Biglia, Massimo Bagnato e Marco Capretti (nella foto al termine dello spettacolo), si sono succeduti sul palco, con una sorta di staffetta, passandosi il testimone ogni mezzora. Il risultato è stato un grande successo di pubblico e di gradimento. Senza esagerare e come diceva il grande Totò, ci siamo scompisciati dal ridere! Bravissimi!!!










Prossimi appuntamenti il 26 luglio, il 2 e il 9 agosto, quando chiuderà la manifestazione Simone Cristicchi. Vedi locandina (cliccaci sopra per ingrandirla).


venerdì 19 luglio 2013

FUORI TUTTO!


"Fuori tutto! Non si tratta dei saldi stagionali, ma del tema di un'assemblea pubblica in programma ad Albano per sabato 20 luglio, ore 17,30, a Piazza Fagiolo, sotto la sede della casa comunale. 
Dopo che la convenzione preliminare (allegato 1) Coema-GSE che potrebbe permettere, ancora oggi, l'uso dei sussidi pubblici per costruire l'Inceneritore dei Castelli Romani, è stata tenuta nascosta dai soliti noti per 4 lunghi anni,  finalmente è divenuta pubblica grazie all'intervento, tra gli altri, di Federica Daga, cittadina-deputata (davvero) a 5 stelle presso la camera dei deputati. Federica, insieme ad altri, ha depositato inoltre, da pochissimi giorni, un'interrogazione parlamentare (allegato 2) per chiamare Flavio Zanonato,  attuale Ministro per lo Sviluppo Economico, a rispondere in aula, pubblicamente, proprio sulla questione dei fondi pubblici relativi all'Inceneritore di Albano.  Federica sarà presente all'assemblea pubblica promossa dal Movimento 5 stelle di Albano, insieme anche ai cittadini-deputati Massimo Enrico Baroni, Alessandro di Battista e Stefano Vignaroli. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare."
fonte articolo clicca QUI

LE DANZE POPOLARI DEI CASTELLI ALL'AUDITORIUM


Serata da non perdere quella di sabato 20 luglio che vedrà numerosi danzatori del nostro territorio, in particolare da Nemi e Velletri, esibirsi su uno dei palcoscenici più prestigiosi d'Italia: nella meravigliosa cornice della Cavea dell'Auditorium Parco della Musica di Roma.

L'evento ideato dal creatore della "Notte della taranta" Ambrogio Sparagna e dalla etnocoreografa  veliterna Francesca Trenta (nella foto), si chiama "Ballo" ed è un meraviglioso viaggio alla  riscoperta delle tradizioni artistiche delle regioni del centrosud  Italia. Come è costume delle esibizioni della Orchestra popolare italiana, il sodalizio artistico creato dal maestro Sparagna, il pubblico non sarà muto partecipe ma come nelle feste popolari sarà parte attiva dell'evento, anche perchè sarebbe veramente difficile non lasciarsi contagiare dall'energia dei danzatori e dai colori musicali attinti a piene mani dal serbatoio millenario della tradizione italiana.

Non solo musica ma anche cultura popolare e la consacrazione del lavoro di ricerca coreografica compiuto in questi anni da Francesca Trenta e dai suoi allievi.

Giuseppe Gambacorta

LE LAVORATRICI DI MANIFATTURA ROMANA CONFEZIONI SRL IN REGIONE IN DIFESA DEL POSTO DI LAVORO. AD ACCOMPAGNARLE IL SINDACO DI ARICCIA.


DALLE LAVORATRICI E LAVORATORI DELLA MRC RICEVIAMO 
E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO.

In attesa della prossima udienza fallimentare in programma al Tribunale di Velletri per il prossimo 17 settembre, una rappresentanza delle lavoratrici e dei lavoratori della Manifattura Romana Confezioni srl di Ariccia di Righetto Nerina (MRC) ha incontrato stamattina, presso la sede centrale della Regione Lazio (via Via Rosa Raimondi Garibaldi n. 7), l’Avvocato Liliana Tessaroli, per conto dell’Assessorato Regionale al Lavoro e la Dott.ssa Francesca Rosati, per conto dell’Assessorato allo Sviluppo Economico. Un incontro durato, in tutto, circa due ore e mezza.
Presenti le sei lavoratrici della MRC, in rappresentanza di tutti i colleghi e colleghe, ed il loro avvocato. Con loro, però, anche il sindaco di Ariccia, Emilio Cianfanelli, che ha fortemente voluto questo tavolo regionale di confronto e trattativa, a cui a preso parte anche lo stesso “primo cittadino” dei Castelli Romani. Assente ingiustificata, viceversa, la proprietà della MRC.
In attesa della dichiarazione giudiziale di fallimento della MRC - che dovrebbe avvenire, presumibilmente, proprio martedì 17 settembre - il sindaco di Ariccia Emilio Cianfanelli, ha proposto di attivare tutti i canali amministrativi di competenza regionale e comunale - attinenti, ovviamente, le tematica del lavoro e dello sviluppo economico - affinché, subito dopo quella “fatidica” data, il sito industriale della MRC venga velocemente acquisito al patrimonio pubblico e riattivato - attraverso, tra le altre cose, la costituzione di una cooperativa sociale costituita direttamente delle lavoratrici - con lo scopo di rimettere rapidamente in moto la produzione tessile.
Per riattivare delle “maestranze artigianali” del settore - note e riconosciute professioniste della sartoria “su misura” - certo, ma anche per portare di nuovo lustro ad un’area industriale la cui produzione industriale ha rappresentato, per decenni interi, il simbolo del made in Italy nel mondo intero.
Una proposta che è stata accolta favorevolmente dalle “parti” presenti all’incontro. Già da oggi la parola d’ordine, per tutti, è: massimo impegno per il raggiungimento dell’obiettivo comune.
Per quanto riguarda, viceversa, il fallimento dell’azienda, tutto rinviato a martedì 17 settembre, per l’attesa della tanto auspicata dichiarazione giudiziale del fallimento della MRC e della contestuale nomina del curatore fallimentare.
Le lavoratrici ed i lavoratori della MRC.

Torna ad Ariccia FANTASTICHE VISIONI



Comincia oggi 19 luglio ad Ariccia la rassegna teatrale Fantastiche Visioni e durerà fino al 9 agosto. La rassegna è diretta dall’amico e grande professionista Giacomo Zito, Ideatore del progetto Ariccia Città Teatro.
Saliranno, sul palco montato sul belvedere di Piazza Mazzini, artisti famosi della scena teatrale e musicale nazionale.
Simone Cristicchi posa per noi
al Teatro Bernini di Ariccia
Inaugurano la rassegna tre comici d’eccezione, Marco Capretti, Massimo Bagnato e Oscar Biglia, che in RICOMINCIAMO DA TRE, si divideranno il palco passandosi il testimone, in una staffetta concepita in esclusiva per Fantastiche Visioni; seguirà Stefania D’Ambrosio insieme a La Fabbrica dei Miracoli, con il concerto DENTRO UN SOGNO, evento musicale raffinatissimo che regalerà al pubblico versioni innovative e commoventi delle più belle canzoni della nostra musica leggera, in particolare quella d’autore; si approda al teatro brillante con Gianfranco D’Angelo, che ne IL RE SONO IO dimostrerà la sua straordinaria versatilità e capacità magistrale di mattatore. La rassegna si concluderà con un evento musicale d’eccezione, il CONCERTO DI FAMIGLIA di Simone Cristicchi: nel suo talento eclettico, di autore, di musicista, di attore e di narratore si identificano idealmente le categorie e le istanze di sinestesia artistica che caratterizzano la rassegna. Anche quest’anno l’offerta unisce la qualità e la godibilità degli spettacoli che riescono a coinvolgere pubblici eterogenei e appassionati di teatro: ormai il ‘marchio di fabbrica’ di Fantastiche Visioni”.
Appuntamento ad Ariccia, Belvedere di Piazza Mazzini, dal 19 luglio al 9 agosto con Fantastiche Visioni. Ingresso gratuito.

lunedì 15 luglio 2013

SALA DEL COMMIATO E VIALE BETTINO CRAXI, COSA HANNO IN COMUNE?


Da gli amici del Movimento 5 Stelle di Albano Laziale riceviamo questo comunicato relativo ad una vicenda della quale ci siamo già occupati in passato anche nella versione cartacea di ECO 16


da ECO 16 cartaceo di novembre 2011
clicca sull'immagine per ingrandirla
"Tutti i cittadini possono rivolgersi in forma collettiva agli organi dell'amministrazione per sollecitarne l'intervento su questioni di interesse generale". Art. 57 dello statuto comunale di Albano laziale.

Sono stati numerosi i solleciti che abbiamo inviato al comune, per avviare quell’iter amministrativo, che riportasse al ripristino del nome di via Inghilterra e togliere così, nella frazione di Cecchina, via Bettino Craxi, fu latitante ad Hammamet. Non sono servite le oltre 500 firme, raccolte e protocollate, affinché una proposta dei “cittadini” di Albano Laziale potesse almeno essere discussa a Palazzo Savelli; e dire che ci furono anche le buone parole, a questo punto di circostanza, spese nel 2011dal sindaco Nicola Marini stesso per l'iniziativa intrapresa, iniziativa a cui “strizzò” l’occhio a leggere l’articolo di pag, 17 del quotidiano Cinquegiorni, sabato 29 ottobre 2011.

Dal 27/09/2012, giorno della consegna delle firme, l'amministrazione è sprofondata in un assordante silenzio.
Cadute nel dimenticatoio, le suddette firme aspettano invano di essere discusse; ora ci auguriamo che non avvenga altrettanto per le firme raccolte dal Coordinamento dei comitati di quartiere, in merito alla Proposta di Istituire una sala del Commiato. Molti attivisti 5 stelle sono firmatari delle 300 firme raccolte dai Comitati di quartiere: la speranza ora è che, si attivino quegli iter amministrativi di rispetto nei confronti dei cittadini, di rispetto nei confronti delle proposte stesse, nonché delle forme partecipative della comunità. Una partecipazione garantita, oltre che dall’art 57 sopra menzionato, in particolar modo dal Regolamento di partecipazione. Ricordiamo tutti il grande eco che ebbe la votazione in aula del regolamento in questione a febbraio 2011:”Mercoledi 1 Febbraio, al termine di un Consiglio comunale estenuante e durato quasi 3 giorni, è stato approvato all’unanimità dei consiglieri presenti in aula (21 su30, per l’esattezza) il regolamento di attuazione degli strumenti di partecipazione popolare…” Albano team, n° 71 Febbraio 2011, che continuava poi con l’intervista, in prima pagina, al Sindaco Nicola Marini sempre in materia di partecipazione.
da ECO 16 cartaceo di novembre 2012
clicca sull'immagine per ingrandirla


Nel caso di viale Bettino Craxi, i 60 giorni dal deposito entro i quali doveva essere avviato l’iter amministrativo sono decorsi ormai da tempo, essendo avvenuto il deposito appunto, il 27 settembre 2012!!!
Invitiamo l'amministrazione tutta, a usare il buonsenso e la democraticità che nei loro partiti va tanto di moda per dar voce a quei cittadini che realmente hanno creduto nelle parole che sentono uscire dalle loro bocche che forse, troppo spesso, non seguono mai con i fatti.
Inoltre, invitiamo i firmatari della petizione a chiedere “agli organi dell'amministrazione” come mai il protocollo n° 0043607 non è stato mai discusso, augurandoci che altrettanto non avvenga per la Sala del Commiato.
Movimento 5 stelle Albano



venerdì 12 luglio 2013

OTTIMISMO DOPO L'INCONTRO DEL NO INC AL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Tre momenti della giornata: Simone Carabella e Amodio Malizia con alcuni manifestanti sotto la sede
del ministero; Alessandro Di Battista, Emiliano Bombardieri e Enrico Stefano con la bandiera del No Inc;
Daniele Castri mentre illustra i risultati dell'incontro.

Oggi, Venerdì 12 Luglio, come avevamo immaginato è stato un giorno importante nella lotta contro l'inceneritore dei Castelli. Oltre cinquanta persone si sono riunite pacificamente sotto il Ministero dello Sviluppo Economico con l'intento di portare una delegazione alla presenza del ministro Flavio Zanonato per mettere su un tavolo la questione del rinnovo della convenzione Co.E.Ma-GSE, in sostanza, quindi, la questione della legittimità del finanziamento statale per quest'opera così discussa, discutibile e invadente e per la quale i termini per il finanziamento sono, a detta del No Inc, ormai scaduti da tempo.
Durante il Sit-in sono intervenuti a portare il proprio appoggio, e certo non è la prima volta, Silvana De Nicolò, consigliere regionale Movimento 5 Stelle, Enrico Stefano, consigliere M5S al Comune di Roma e il deputato Alessandro Di Battista sempre del Movimento 5 Stelle, movimento che si è espresso subito contro questo e contro qualsiasi altro inceneritore. A tal proposito ricordiamo quando Beppe Grillo venne proprio a Roncigliano a portare il suo sostegno davanti i cancelli della discarica.
È giunto al presidio anche Nando Bonessio, attivista ed ecologista che ci ha spiegato come questo passaggio al Ministero sia di importanza fondamentale, e non solo per la vicenda di Albano, ma per tutte quelle dove è necessario interrompere la catena economica, l'enorme flusso di denaro pubblico, che alimenta la scelta dell'incenerimento dei rifiuti, piuttosto che il recupero e il riciclo degli stessi.
A metà mattinata una delegazione di quattro persone del No Inc, Simone Carabella, Daniele Castri, Amadio Malizia ed Emiliano Bombardieri è stata ricevuta dal direttore e dal vicedirettore del Dipartimento Energie Rinnovabili, Leonardo Senni e Giampiero Castano.
In conclusione, come gli altri che sono stati ricevuti, Simone Carabella si è detto ottimista: La discussione é rinviata a Settembre ma la buona notizia è che c'è stata data garanzia che almeno fino al prossimo appuntamento , nessuna decisione verrà presa. Il bilancio positivo.
Daniele Castri ha poi aggiornato i presenti sull'incontro: “I dirigenti hanno rappresentato il loro stupore rispetto all'accelerazione che c'è stata da parte del Gse. Non hanno (i dirigenti ministeriali, ndr) conoscenza specifica delle dinamiche portate dal No Inc, e hanno chiesto, come anche al Gse, di presentare tutti i documenti utilizzati fino ad oggi per sostenere la nostra tesi, ovvero che i termini per finaziare con soldi pubblici l'inceneritore sono ampiamente scaduti. Lo faremo. Ci siamo aggiornati al mese di Settembre e quindi depositeremo tutti documenti in nostro possesso: le sentenze del Tar e del CdS, l'ordinanza di Marrazzo che aveva permesso la cantierizzazione fittizia e che è stata bocciata dalle due sentenze, depositeremo la convenzione finale Co.E.Ma.-Gse che prevederebbe ancora oggi il passaggio dei soldi pubblici per la costruzione dell'inceneritore. Siamo sicuri delle nostre ragioni. Siamo sicuri che la convenzione vada annullata. Speriamo che che al prossimo incontro ci ritroveremo qui sotto a festeggiare. Speriamo che nemmeno un centesimo dei soldi pubblici venga usato per costruire l'inceneritore!
Fabio Ascani