venerdì 13 febbraio 2015

Agli Uffizi di Firenze "Gherardo delle Notti. Quadri bizzarrissimi e cene allegre". Ci sarà anche la pala d'altare del museo dei Cappuccini

Fino al 24 maggio alla Galleria degli Uffizi c’è la mostra "Gherardo delle Notti. Quadri bizzarrissimi e cene allegre", promossa dal Mibact. Apre così la stagione espositiva di Firenze 2015. Un anno ad arte con la prima mostra monografica dedicata al pittore caravaggesco di origine olandese Gerrit van Honthorst, pittore che si ispirava ai maestri italiani ed in particolare dal Caravaggio, più noto al pubblico italiano come Gherardo delle Notti per la particolarità di ritrarre scene notturne, con suggestivi effetti luministici, generati dall'intenso chiarore della luce di candela, contrapposti alle ombre.


Gerrit Van Honthorst, detto Gherardo delle Notti
Madonna in gloria con i Santi Francesco e Bonaventura
Trai dipinti esposti c’è anche la Pala dell'Altare del Museo dei Cappuccini di Albano Laziale conosciuta come “Madonna in gloria con i Santi Francesco e Bonaventura” datata 1618, anch’essa opera del famoso pittore fiammingo Gerrit Van Honthorst.
Migliaia di visitatori potranno così ammirare l’emblema che raffigura Flaminia Gonzaga con i Santi Francesco e Bonaventura.

Non è la prima volta che l’opera viene ospitata in una grande esposizione: già era accaduto a Roma, Vienna e Milano,  come ricorda Padre Mario Sinibaldi, Responsabile del Convento dei Frati Cappuccini di Albano che ha anche aggiunto come questo sia motivo di orgoglio per il Convento e per tutta la Città di Albano Laziale.



Fabio Ascani

Nessun commento :

Posta un commento