venerdì 15 maggio 2015

Il Lazio all'EXPO: una lunga serie di errori

Sono sette i milioni di euro spesi per il Padiglione Lazio per l'Expo di Milano, una spesa notevole alla quale sembrerebbe non corrisponda un'adeguata presentazione dei prodotti cosa che ha fatto storcere il naso a più di qualcuno, tanto che la Camera di Commercio di Frosinone ha deciso di prendersi un stand tutto suo per promuovere la propria enogastronomia.


Alla gran quantità di soldi spesi non solo non è corrisposta un'accurata presentazione dei prodotti della nostra regione, ma sono anche stati compiuti una serie di errori grossolani e che ha elencato il consigliere Aurigemma nell'aula del Consiglio regionale dove ha posto un'interrogazione nella quale, tra l'altro,  è detto anche che nell'allestimento della mappa delle produzioni regionali la rota reatina sta posizionata a Gaeta (numero 88); il pane di Genzano collegato a Gaeta (numero 60);  la porchetta di Ariccia a Formia (70); il pane di Veroli a Formia (64); l’acqua di Rieti a Roma (6). E non è finita qui: al numero 107 il vino dei colli lanuvini ad Acquapendente; al 65 il pangiallo romano a Frosinone e al 74 il prosciutto amatriciano ad Ariccia (vedi il link della mappa allegato)


Fonte: Affari Italiani

Qui la mappa con gli errori

Nessun commento :

Posta un commento