sabato 3 marzo 2018

Borgo San Lorenzo - La Nazionale Junior di boxe tira un pugno al bullismo.

(Aggiornato  4 marzo 2018 h 13.00)

Al Palazzetto dello Sport di Borgo San Lorenzo (Fi) si è appena conclusa la bella manifestazione promossa dalla Mugello Boxe contro il bullismo dal titolo Combatti sul ring la violenza. L’incontro ha visto la partecipazione delle istituzioni sia a livello regionale che comunale ma soprattutto la presenza dei moltissimi bambini delle scuole medie Giovanni della Casa. 
In Toscana, ha detto il sindaco di Borgo san Lorenzo, un bambino su cinque è o è stato vittima di bullismo o cyber-bullismo. Un problema importante e sono dunque benvenute tutte le iniziative che rendano consapevoli i più piccoli, ma anche gli adulti, della gravità del problema. Quale cosa migliore, allora, che fare tutto questo con l’aiuto dello Sport e del pugilato in particolare.

La Nazionale Italiana con i tecnici Giulio Coletta e Massimiliano Lota.
Tra i convocati anche dei Castelli Romani e di Ariccia Michele Ascani.
La boxe è superficialmente vista da alcuni come uno sport violento ma in realtà è un’attività formativa, dove le prime cose che si imparano sono la disciplina e il rispetto per sé stessi e per l’avversario, come ha detto rivolgendosi al pubblico presente Giulio Coletta, commissario tecnico della nazionale junior di boxe.
E oggi pomeriggio, alle 17.00, in occasione di questa giornata importante le nazionali junior di boxe Italiana e Bulgara si affronteranno in una sfida internazionale, all’insegna dei valori dello sport e della correttezza, contro ogni violenza gratuita, contro ogni sorta di bullismo.

Il pugilato e lo sport in genere sono un vero antidoto contro ogni forma di bullismo.
tutti insieme gli atleti della Nazionale bulgara e italiana all'incontro contro il bullismo

nel palazzetto dello sport di Borgo San Lorenzo

(aggiornamento 4 marzo 2018) Per dovere di cronaca, ieri sera la Nazionale italiana a battuto quella bulgara con il risultato di 7 a 6. Gli incontri sono stati corretti, spesso duri, ma ciò che è venuto fuori è stato il carattere, la voglia di vincere, la determinazione degli atleti in gara, tutti davvero bravissimi, sia i bulgari che gli azzurri.

Nessun commento :

Posta un commento