mercoledì 11 dicembre 2013

Il Movimento 5 Stelle denuncia: "Albano città morta".

Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Domenica scorsa il MOVIMENTO 5 STELLE di Albano ha organizzato una passeggiata itinerante tra le macerie del centro storico di Albano.
Piazza San Paolo, lo scempio di Palazzo Pamphilij, la quinta devastata di Palazzo Pavoncello e “I CISTERNONI” grande opera di ingegneria romana, esempio unico al mondo tuttora funzionante, circondati da auto, topi  e degrado,  ci hanno dato l’esatta dimensione delle tristi  condizioni in cui versa la citta’ di Albano.

Il centro storico, il cuore della citta’, una citta’ che non tutela e non valorizza la propria storia e le proprie risorse piu’significative, una citta’ che non puo’ trasmettere la propria grande storia.

Ebbene una città ridotta in questo stato e’ una città morta!
Cinquanta anni di amministrazioni miopi e conniventi con un sistema che ha puntato soltanto sulla speculazione edilizia ed il consumo indiscriminato di territorio, scelte mai orientate alla valorizzazione delle “vere” risorse locali, nessun piano urbanistico, nessun intervento per una mobilita’ sostenibile.
Una passeggiata triste ma intensa di riflessioni e propositi per il futuro di Albano, una passeggiata per ripartire dal cuore della citta’, per creare una economia locale che ribalti lo scenario attuale e avvii un nuovo percorso di rinascita…

Pedonalizzazioni, siti archeologici e storici aperti, valorizzati e SEMPRE fruibili, decoro urbano, artigianato, enogastronomia, comunicazione e promozione istituzionale dinamica e competente, formazione professionale specifica .

Un laboratorio permanente per Albano e la sua storia, progetti e proposte da realizzare con il coinvolgimento e la partecipazione attiva della cittadinanza.
Questo intendiamo fare e questo faremo per Albano…
Nessuno si senta escluso … e nessuno si sottragga…
Sconfiggiamo insieme il degrado con coraggio, idee e azioni concrete. 

Non vogliamo più vergognarci di essere albanensi.


Movimento 5 stelle Albano Laziale
Leggi ECO 16

Nessun commento :

Posta un commento