lunedì 4 aprile 2016

Il Ponte Monumentale di Ariccia è stato abbandonato a se stesso dalle passate amministrazioni. Parola di Roberto Di Felice

Era ottobre 2010 quando su l'ECO di Ariccia, con l'amico Maurizio ci chiedevamo quando avrebbero fatto i lavori di manutenzione della struttura, lavori già in netto ritardo. Da allora ne è passata di acqua sotto e sopra il ponte e la situazione è stata lasciata a se stessa.
Decenni di mancata manutenzione del Ponte Monumentale di Ariccia lo hanno portato nelle condizioni in cui si trova ora e di più non dico perché non sono un tecnico ma è certo che se fosse  stato fatto qualcosa in più oggi il ponte sarebbe in uno stato migliore. E voglio fare un esempio banale: se comprate un'auto nuova questa va benissimo ma se poi non fate il cambio dell'olio, dei filtri, non ponete riparo al punto di ruggine, non cambiate le gomme e non controllate i freni, presto il vostro mezzo si trasformerà in un catorcio pericoloso e la responsabilità sarà solo vostra! Gli ultimi decenni si sono caratterizzati nella nostra città per le ben quattro (!) amministrazioni Cianfanelli. Qualcuno sa dire quale manutenzione ordinaria durante tutti questi anni è stata fatta al Ponte? Se questa manutenzione non è stata fatta e ora ci ritroviamo un catorcio pericoloso prendetevela con chi ha governato fino ad ora.

Di seguito il comunicato già pubblicato altri quotidiani on line in cui Roberto di Felice risponde al candidato espressione della vecchia maggioranza Serra Bellini.

Sulla questione del Ponte Monumentale Serra Bellini lancia un blando attacco a Roberto Di Felice, sostenendo che questi abbia detto cose che possono indurre in confusione i cittadini relativamente ai lavori di ristrutturazione del Ponte. Serra Bellini, del quale non si ricorda un solo intervento in consiglio comunale negli ultimi 5 anni, evidentemente perché non ha mai ritenuto di dover prendere la parola, inizia ad esprimersi ora, e pare proprio che lo faccia per distogliere i cittadini e gli elettori dalle responsabilità delle indolenti ex amministrazioni Cianfanelli che mai si sono curate di praticare una normale e buona manutenzione della struttura del Ponte Monumentale, lasciandola a sé stessa, preda della vegetazione, delle intemperie e del decadimento del tempo. Oggi in che condizioni sarebbe il ponte se da subito fosse stato manutenuto a regola d’arte?

E Serra Bellini parla anche di viabilità alternativa alla chiusura della struttura. Sappiamo bene ad Ariccia che i falsi ecologisti hanno in progetto da anni una nuova strada dentro Parco Chigi per sopperire ai problemi derivanti dall’eventuale chiusura del ponte (o, forse, per altri fini?).

Ma il Parco non si deve toccare, come voleva già nel ‘700 il principe Chigi. Il Parco, bene inestimabile, un eco-sistema chiuso, definito da Goethe una “selva selvaggia” dove “tutto è perfettamente giusto”, qualcosa di unico nel suo genere.

L’amministrazione uscente ha le spalle cariche di responsabilità sullo stato attuale della situazione di Ariccia (non solo del ponte) e in gran parte sono cose che non le fanno onore, così la “buttano in caciara”, “alzano polvere” per distogliere lo sguardo dei cittadini dai fatti reali, dai risultati della loro cattiva gestione della città e del territorio.

Per la cronaca: oggi esistono tecnologie che permettono tempi più rapidi per i lavori di riqualificazione e/o ricostruzione di grandi opere rispetto alle tecnologie di anni or sono. Questo può valere anche ad Ariccia. Perché non si vuol farli? Oppure siamo fuori dal mondo? Questo era il concetto espresso da Roberto di Felice e che tanto in subbuglio ha messo il Serra Bellini. Chiaro no? 


Il ponte invaso dalle erbacce alla sua base

Nessun commento :

Posta un commento