mercoledì 9 aprile 2014

Il Nemico Invisibile

L’INQUINAMENTO UCCIDE 7 MILIONI DI PERSONE ALL'ANNO

Secondo uno studio dell’OMS, Organizzazione  Mondiale della Sanità, nel 2012 circa 4,3 milioni di persone sono morte a causa dell'inquinamento interno, per le emissioni di stufe a legna e a carbone, soprattutto in Asia. Altri 3,7 milioni hanno
perso la vita per l'inquinamento esterno e il 90% delle vittime è in Paesi in via di sviluppo. Molti sono esposti sia all'inquinamento interno che esterno e non si possono sommare le vittime delle due fonti. Quindi l'Oms ha abbassato la stima da circa 8 a 7 milioni di morti nel 2012.

Tra gli aspetti più pericolosi c’è il fatto che piccole particelle, il particolato fine e ultrafine, possono arrivare in profondità nei polmoni e provocare irritazioni. Gli studiosi sospettano anche che l'inquinamento atmosferico possa essere causa di infiammazioni al cuore, che comportano problemi cronici oppure causare attacchi cardiaci. L'anno scorso l'Oms aveva classificato l'inquinamento atmosferico come un agente cancerogeno, legato a tumori al polmone e alla vescica.  
nello tabella alcuni degli inquinanti più diffusi che possiamo
trovare soprattutto dentro casa, in ufficio o in auto

L’ambiente interno delle case può essere particolarmente pericoloso: l’inquinamento indoor viene frequentemente sottovalutato per fattori di natura squisitamente culturale, psicologica o storica. Diverse ricerche hanno dimostrato che nei luoghi interni l’esposizione ad inquinanti di varia natura può essere addirittura superiore a quella relativa agli inquinanti in ambiente esterno o industriale.  


Prima regola allora è aerare il più possibile… sempre che non si viva nei pressi di una discarica (vedi qui cosa abbiamo scritto su chi vive vicino la discarica di Roncigliano)  o di un inceneritore che emette quantità industriali di quel particolato fine e ultrafine così pericoloso.

Nessun commento :

Posta un commento