giovedì 11 febbraio 2016

Discarica di Roncigliano, revisione dell’Autorizzazione Integrata Ambientale: le richieste del Comune di Albano

Riceviamo dal Comune di Albano Laziale e pubblichiamo


immagine area della discarica di Roncigliano
I lavori della Conferenza dei Servizi, attivata dalla Regione Lazio per la revisione dell’Autorizzazione Integrata Ambientale  in merito all’impianto di trattamento meccanico biologico TMB e alla discarica di Roncigliano, vanno avanti ed ora, dopo aver preso atto della documentazione tecnica prodotta dalla Pontina Ambiente, società che gestisce il sito di Roncigliano, la palla passa ai vari Enti al fine di evidenziare eventuali necessità di integrazioni.
Dopo un’attenta valutazione dei documenti, l’Amministrazione Comunale di Albano Laziale ha formalizzato alla Regione Lazio quelle che, a proprio avviso, risultano essere le necessità principali ancora inevase (rif. Prot. N.5997 del 08.02.2016)

1)Ampliamento della rete dei piezometri (pozzi spia per misurazione sostanze inquinanti).
L’analisi della rete dei pozzi spia attualmente presente nella discarica di Roncigliano risulta essere profondamente disomogenea sia in termini di diametri dei piezometri sia in termini di profondità di captazione. Tale situazione, associata alle sensibili differenze nell’orientamento del flusso idrico, rende indispensabile un ampliamento dell’attuale rete di piezometri al fine di effettuare una copertura più capillare dell’area di discarica. Inoltre, va sottolineato come i diversi livelli delle falde acquifere nel sottosuolo e la diversa permeabilità delle falde stesse possano generare comparse “ritardate” degli inquinanti nei vari pozzi, giustificando ancora di più la richiesta di un ampliamento del la rete dei piezometri.

2)Emissioni inquinanti rete captazione biogas.
Non è ben chiaro quali siano i dispositivi di contenimento delle emissioni inquinanti a valle della combustione in torcia. Al fine di contenere le emissioni inquinanti a valle della combustione in torcia, si ritiene indispensabile  una implementazione impiantistica. Peraltro nelle analisi del biogas non risulta più prevista l’analisi di composti quali composti azotati e mercaptani, ad esempio.

3)Estensione dei controlli delle emissioni diffuse anche sui lotti esauriti più recenti, in particolare IV, V, VI invaso.

4)Campagna di indagine, sperimentazione e contenimento emissioni odorigene.
Anche in seguito al persistere di odore nauseabondo proveniente dalla discarica di Roncigliano, si richiede che l’impianto TMB della Pontina Ambiente sia oggetto di campagna di indagine e sperimentazioni. Si chiede pertanto che vengano periodicamente comunicati le quantità di rifiuti in ingresso all’impianto TMB e le quantità delle varie tipologie di materiali in uscita (CDR, vapori, materiali ferrosi, compost, ecc.). Tali considerazioni sono anche strumentali al fine di valutare in maniera specifica e dettagliata le quantità dei rifiuti sversati in discarica al fine di tenere sotto controllo il bilancio di massa dell’impianto TMB (valutazioni queste che hanno anche rilevanza penale).

5)Analisi del percolato.
Non è più prevista l’analisi del percolato, precedentemente pianificata trimestralmente. Si ritiene che tali controlli debbano riprendere con cadenza almeno semestrale.

6)Campionamento semestrale degli analiti critici.
Anche alla luce delle criticità riscontrate nei continui superamenti di composti organici ed inorganici quali 1,2 dicloropropano e ferro, ad esempio, si richiede che il campionamento degli analiti critici sia previsto non più con cadenza annuale ma semestrale.

Il Sindaco di Albano Laziale, Nicola Marini, ha commentato: «La conferenza dei servizi è in un momento cruciale. Stiamo infatti iniziando la discussione di quali azioni debbano essere svolte al fine di garantire l’adeguato funzionamento di impianto e discarica in termini, ovviamente, di legge ma soprattutto di rispetto ambientale. Insieme agli uffici abbiamo preso atto della copiosa documentazione prodotta dalla Pontina Ambiente, che, pure, a nostro avviso, risulta ancora carente in diverse parti. La certezza di quale sia la situazione ambientale delle acque e dell’aria è per noi una pregiudiziale insuperabile a tutela dei cittadini di Albano».

Alle parole del primo cittadino Nicola Marini hanno fatto eco quelle del Consigliere comunale Luca Andreassi: «Stiamo discutendo di azioni concrete e di interventi specifici da farsi subito. Già di per sé questa è una grande notizia. La volontà della conferenza è di concludere i lavori con la certezza circa lo stato ambientale del sito di Roncigliano. Per troppo tempo si è dato per scontato che tutto funzionasse. I nostri dubbi e preoccupazioni, esternati in anni di lettere, ricorsi, solleciti oggi hanno avuto risposta in tutte le sedi».

Nessun commento :

Posta un commento