sabato 11 giugno 2016

Ariccia - DI FELICE SINDACO E LA BACCHETTA MAGICA

di Fabio Ascani
Le comprensibili aspettative delle migliaia di cittadini che da tanti anni attendono di vedersi governare da un uomo giusto e imparziale non andranno disattese.
Le giuste e comprensibili aspettative di tutti quei cittadini che vogliono vivere in una città che abbia un decoro urbano accettabile, con strade pulite e sicure e collegamenti più frequenti e che funzionino, non andranno deluse.
Oggi ancor di più, penso di poter dire, Ariccia ha scelto l’uomo giusto. Roberto Di Felice è a garanzia che ciò che è stato detto e scritto nel programma amministrativo verrà realizzato. Tutto ciò che è nei poteri del sindaco e dell’amministrazione, così com’è stato promesso durante la campagna elettorale verrà realizzato.
Ora si stratta di mettere in moto una macchina, quella amministrativa, che ha marciato per anni con “seri guasti al motore” e prodotto alla città una gran quantità di danni.
Le prime cose da fare il Sindaco le sta già facendo e riguardano proprio la messa a punto di questa macchina un po’ disastrata. Tutto il resto verrà di conseguenza, prima lentamente e poi più velocemente, quando tutto il motore potrà finalmente dirsi avviato e ben funzionate.

Sembra incredibile ma, a soli quattro giorni dalla proclamazione ufficiale a Sindaco, già alcune cose sono state fatte nella direzione della riappacificazione e “riunione” della città e proprio nell’organizzazione interna e funzionale del Comune. Sono cose che non si vedono nell’immediato ma non tarderanno a dare i loro frutti.

Nel frattempo chi prova a mettere zizzania, i soliti sfascisti, e coloro che ancora non hanno digerito la vittoria limpida e bella della coalizione di Roberto Di Felice, si mettano pure l’animo in pace e, come tutti, attendano con pazienza l’evolversi di una situazione che porterà ad una migliore qualità e vivibilità della città.

Chi per anni ha tentato di far credere ai propri concittadini di avere una bacchetta magica per i problemi del Paese, ha combinato una marea di guai. La bacchetta magica non l’avevano loro e, ovviamente non l’ha neanche Roberto Di Felice, che però ha altre qualità: è competente, è risoluto, non accetta ricatti e pressioni inopportune da alcuno, ed il popolo è dalla sua parte.

Allora concludo esortando tutti alla giusta pazienza. Abbiamo avuto anni e anni di cattiva amministrazione, adesso le cose stanno cambiando in meglio ma per fare le cose per bene ci vuole tempo e alla fine nessuno rimarrà deluso.


Ariccia si sta rimettendo in moto.

Nessun commento :

Posta un commento