mercoledì 1 giugno 2016

Intervista a Francesca Celli candidata consigliere di Uniti per Cambiare a sostegno di Roberto Di Felice - MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA DEL CENTRO STORICO

Francesca vuoi presentarti ai tuoi cittadini?  
Sono Francesca Celli conosciuta meglio come Petitta cognome di mia madre. Ho lavorato nelle fabbriche del nostro territorio. Poi avendo quattro figli, Domizia Daniele Francesco e Paola, e sette nipoti di età varie dai 19 anni agli 8 anni, per ovvi motivi sono diventata casalinga. Oggi  sono vedova di un uomo, che nella sua vita di professione era autista con turni pesanti e orari reperibilità h24. Il mestiere di casalinga diventa necessario per la mia famiglia così mi sono dedicata sempre alle persone più bisognose cosa che faccio ancora oggi, specialmente dove ci sono bambini ed anziani.
Parlando con i cittadini, specie quelli del centro storico dove vivi, che impressioni hai tratto? Qual è l'umore delle persone?
Ci sono gravi divisioni nella città e nei quartieri che invece dovrebbero essere più uniti. Vorrei che tutti che tutti si sentissero realmente appartenenti ad uno stesso paese, che sentissero realmente il senso di appartenenza e che ci fossero maggiori opportunità di lavoro per tutti.
Se avessi il potere di migliorare una cosa di Ariccia con un colpo di bacchetta magica, quale sarebbe?
Roberto Di felice tocca molti punti importantissimi riguardo i nostri vari quartieri. Potendo scegliere, mi piacerebbe che potesse migliorare la qualità della vita del centro storico per tutti i residenti. Del resto saranno loro che, con i loro suggerimenti, con Roberto sindaco, avranno voce in capitolo e diverranno protagonisti del cambiamento.
C'è un punto del programma di Roberto Di Felice che ritieni maggiormente qualificante?

È il rapporto con la gente che è importante. La gente è al centro del nostro programma.

Nessun commento :

Posta un commento