venerdì 7 dicembre 2012

"PORTE APERTE?" IL SINDACO DICE "NO"

DOPO LE RICHIESTE DEL COORDINAMENTO NO INC (VEDI QUI) IL SINDACO DICE "NO"
ACCORDO PER LA CARATTERIZZAZIONE IDROGEOLOGICA
MA SARÀ ESTERNA E NON INTERNA COME INVECE CHIEDEVA ANCHE L'ARPA LAZIO!

Alla conferenza dei sindaci
porte chiuse per i cittadini!
Niente “porte aperte” come chiedeva il Coordinamento No Inc: “Le modalità ed eventuali ulteriori partecipanti alla Conferenza dei sindaci saranno stabiliti dalla Conferenza stessa, in virtù della ovvia considerazione che tale decisione non può essere prerogativa di un singolo, ma espressione collegiale dei sindaci” - Questo in un comunicato stampa del Comune di Albano Laziale che “ribadisce comunque la disponibilità ad un incontro al termine della Conferenza con i cittadini e i giornalisti che vorranno conoscerne gli esiti”. Si specifica inoltre che “Tutta la documentazione che ha portato alla firma della Convenzione è presente all’interno del sito istituzionale, nella sezione Trasparenza Ambiente”.
Così ha dunque seccamente risposto l'amministrazione Marini ad una richiesta che era parsa a molti legittima e di trasparenza. Peccato.
Nel comunicato del comune viene riportata in evidenza la notizia che è stata firmata la convenzione tra CNR-IRSA e Comune per la caratterizzazione idrogeologica. Nel pomeriggio di venerdì 7 dicembre è stata siglata la Convenzione tra CNR-IRSA e Comune di Albano Laziale per la caratterizzazione idrogeologica dell’area della discarica di Roncigliano. Tale convenzione prevede ''la caratterizzazione ambientale di circa 4 chilometriquadrati intorno all’impianto di Roncigliano e comprenderà attività conoscitive nell’ambito dell’idrogeologia, geochimica e chimica ambientale. Lo studio sarà condotto attraverso una campagna di campionamento e relative analisi di laboratorio. L’estensione spaziale dello studio sarà tale da garantire un numero congruo di punti di misure piezometrici ed almeno 25 campioni di acqua sotterranee utili per la caratterizzazione idrogeochimica della zona di indagine''. Questa convenzione risponde sia all’esigenza di conoscere realmente lo stato della falda acquifera al di sotto della discarica, sia alla richiesta fatta dall’ARPA Lazio (anche se tale richiesta non era indirizzata al Comune di Albano Laziale ma alla Regione Lazio, ente competente ad effettuare operazioni di caratterizzazione e bonifica, tanto più che l’area interessa molteplici comuni), sia per rispondere al mandato conferito al sindaco Marini, in modo collegiale e unanime, durante l’ultima conferenza dei sindaci di bacino. Tale convenzione verrà portata all’attenzione dei Primi cittadini nella Conferenza convocata per lunedì prossimo alle ore 12.00 presso palazzo Savelli. Sarà anche l’occasione di prendere in esame ulteriori iniziative nello spirito, ci auguriamo, di collegialità e unitarietà di intenti, che finora ha sempre caratterizzato l’operato dei sindaci. La convenzione, oltretutto, segue la richiesta già inoltrata alla ASL per l’aggiornamento dell’analisi epidemiologica della zona, in modo da avere un quadro completo ed esaustivo dell’area dove è presente la discarica”.
Una buona notizia? Solo in parte: ciò che sarebbe stato davvero utile sarebbe stato fare la caratterizzazione idrogeologica all'interno della discarica stessa, come aveva richiesto l'Arpa Lazio. Il 18 Novembre 2011 l’Arpa Lazio scrive alla Regione Lazio, alla Provincia di Roma ed al Comune di Albano. Trasmette i dati relativi al livello di inquinamento delle falde acquifere sottostanti la discarica di Roncigliano. Viene riscontrato, in modo particolare, la presenza di sostanze gravemente nocive per la salute umana e per l’ambiente: Tribromometano (sei volte i limiti di legge), Dibromoclorometano (otto volte i limti idi legge), Benzene(tre volte i limiti di legge), Floruri (sei volte i limiti di legge), Ferro (dieci volte i limiti di legge), Arsenico (due volte i limiti di legge) e Manganese (due volte i limiti di legge). L’Arpa Lazio continua: “Data la complessità dell’area in esame e la scarsità di informazioni relative all’inquadramento geologico ed idrogeologico dell’area, si ritiene opportuno venga valutata da parte della Regione Lazio la possibilità di far effettuare da Enti terzi competenti (quali IRSA-CNR ed ENEA) studi approfonditi di caratterizzazione geologica ed idrogeologica DEL SITO OVE INSISTONO LA DISCARICA ED ANNESSO IMPIANTO TMB …” Ovvero all’INTERNO dell’area della discarica. Non all’ESTERNO. (vedi QUI)

Vedi e sfoglia anche ECO 16

Nessun commento :

Posta un commento