mercoledì 27 marzo 2013

IL NO INC INVITA A MANTENERE ALTA L'ATTENZIONE SUL TEMA DEI RIFIUTI


Domani, giovedì 28 marzo, dalle ore 09,00 fino alle 12,00, il comitato No Inc terrà un SIT-IN sotto la sede del Tar del Lazio. Aspetteremo l’esito dell’udienza relativa all’inceneritore dei Castelli Romani sotto le finestre dei giudici amministrativi che, più d’un volta, hanno accolto le ragioni dei cittadini e dei comuni dei Castelli Romani

La notizia s’è abbattuta sui Castelli Romani come un fulmine a ciel sereno. E ha colto tutti di sorpresa, istituzioni e cittadini. Su richiesta del Comune di Albano, che ha depositato un ricorso il 25 febbraio scorso, la Presidente della I° sezione del Tribunale Amministrativo della Regione Lazio, Dott. ssa Linda Sandulli, ha bloccato l’ordinanza n. B-00266 del 29 gennaio dell’Area Rifiuti della Regione Lazio che, come ricorderete, dava il via libera all’avvio del cantiere per la costruzione del contestatissimo impianto brucia rifiuti targato Co.E.Ma. (Pontina Ambiente di Cerroni, Acea ed Ama). Su questa ordinanza, tra l’altro, pende una denuncia ed una querela penale penale depositata, alcune settimane fa, dal comitato No Inc alla Procura di Roma. Omissione d’atti d’ufficio, falso in atto pubblico e truffa i reati ipotizzati. Cantiere e fiato sospeso, quindi, almeno fino a giovedì mattina 28 marzo, alle ore 09,00, quando l’intero collegio della I° sezione del Tar Lazio, composto da tre giudici, tornerà di nuovo ad affrontare la vicenda. Udienza a dir poco decisiva, quindi, per le sorti dell’Inceneritore. Ma sui Castelli Romani, ricordiamo, non incombe “solo” il progetto di costruzione dellInceneritore più grande dEuropa, ma anche il VII invaso della discarica di Roncigliano, che raccoglie i rifiuti indifferenziati prodotti dai dieci Comuni del bacino, distante 178 metri dalla prima casa contro i 1000 previsti dalla Legge della Regione Lazio n. 27 del 1998. E, come se non bastasse, dal 3 gennaio scorso, il decreto cosiddetto “salva Roma” di Clini, che pretende di scaricare, è proprio il caso di dirlo, una buona parte della spazzatura romana indifferenziata sulle province della Regione Lazio e, quindi, anche sulla discarica di Roncigliano. Ed, infine, la raccolta differenziata porta a porta che stenta a decollare.
Per mantenere alta l’attenzione sul tema rifiuti e per scongiurare, ad ogni costo, l’avvio del cantiere per la costruzione dell’Inceneritore dei Castelli Romani, il comitato No Inc ha organizzato una seria di iniziative di mobilitazione ed, in particolare:
  • Domani mattina, giovedì 28 marzo, dalle ore 09,00 alle ore 12,00, SIT-IN sotto la sede del Tar del Lazio, via Flaminia n. 189 Roma. Aspetteremo l’esito dell’udienza relativa all’inceneritore dei Castelli Romani sotto le finestre dei giudici amministrativi che, più d’un volta, hanno accolto le ragioni dei cittadini e dei comuni dei Castelli Romani.
  • Venerdi 29 marzo, ore 17,30, Centro Sportivo Ok-Club di Cancelliera, Via di Pantanelle snc, Albano, Assemblea Pubblica.
  • Mercoledì 3 aprile, ore 17,30, Piazza San Pietro, Albano, Assemblea Pubblica.
  • Sabato 6 aprile, ore 15,00 piazza Mazzini, Albano, CORTEO NO INC. L’undicesimo corteo per dire, ancora una volta: No all’Inceneritore dei Castelli Romani, No al VII invaso di Roncigliano, Sì alla raccolta differenziata porta a porta associata a riduzione, riciclo e riuso.
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

C.S. No Inc 
Leggi anche ECO 16

Nessun commento :

Posta un commento