mercoledì 31 ottobre 2012

LA NUOVA ITALIA

(CLICCA SULL'IMMAGINE PER INGRANDIRE)

Ecco la mappa delle Province dopo l'approvazione del decreto legge relativo al loro riordino: 
PIEMONTE: Torino, Cuneo, Asti-Alessandria, Novara-Verbano-Cusio-Ossola, Biella-Vercelli. 
LIGURIA: Imperia-Savona, Genova, La Spezia.
LOMBARDIA: Milano-Monza-Brianza, Brescia, Mantova-Cremona-Lodi, Varese-Como-Lecco, Sondrio, Bergamo, Pavia. 
VENETO: Verona-Rovigo, Vicenza, Padova-Treviso, Belluno, Venezia. 
EMILIA ROMAGNA: Piacenza-Parma; Reggio Emilia-Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna-Forlì-Cesena-Rimini.
TOSCANA: Firenze-Pistoia-Prato, Arezzo, Siena-Grosseto, Massa Carrara-Lucca-Pisa-Livorno. 
MARCHE: Ancona, Pesaro-Urbino, Macerata-Fermo-Ascoli Piceno. 
UMBRIA: Perugia-Terni. - LAZIO: Roma, Viterbo-Rieti, Latina-Frosinone. 
ABRUZZO: L'Aquila-Teramo, Pescara-Chieti.
MOLISE: Campobasso-Isernia. 
CAMPANIA: Napoli, Caserta, Benevento-Avellino, Salerno.
PUGLIA: Bari, Foggia-Andria-Barletta-Trani, Taranto-Brindisi, Lecce. 
BASILICATA: Potenza-Matera. 
CALABRIA: Cosenza, Crotone-Catanzaro-Vibo Valentia, Reggio Calabria.
In questo modo le Provincie vengono ridotte a 51 e in esse sono comprese le nuove realtà dette Città Metropolitane, cosa che ci riguarda da vicino visto che, come Castelli Romani non saremo più nella Provincia di Roma ma in Roma Città Metrpolitana
Per quanto riguarda le regioni a statuto speciale il governo se ne occuperà in seguito, infatti, la legge sulla revisione di spesa concede a queste ancora sei mesi di tempo. 

Nessun commento :

Posta un commento