sabato 7 maggio 2016

Ariccia - Il decoro di una città dimostra quanto sia amata, o non amata affatto, dai propri amministratori.

di Fabio Ascani
Chi ama la propria città vorrebbe che questa fosse sempre bella e funzionale. Vorrebbe che le sue strade fossero sicure, con i marciapiedi ovunque serva, ben illuminate e pulite, non solo nel centro storico o nel proprio quartiere, perché chi ama la propria città la ama tutta e desidera che i suoi concittadini, che abitano un po’ distanti, stiano anch’essi bene e vivano in un ambiente sano e dignitoso. Chi ama la propria città vorrebbe che questa fosse pulita e curata, vorrebbe che non ci fosse neanche una cartaccia in terra, che non ci fossero luoghi fatiscenti e pericolosi. Vorrebbe,  chi veramente ama la propria città, che ci fossero collegamenti efficienti fra i vari quartieri e desidera che spostarsi sia semplice con i mezzi pubblici, a piedi o con l’automobile o una due ruote.
Qualsiasi cittadino che ami Ariccia vorrebbe che questa fosse un “salotto”, il “salotto dei Castelli Romani” e le caratteristiche Ariccia avrebbe potuto averle, ma poi ci si guarda intorno e ci si accorge che chi ha amministrato fino ad oggi questa bella città evidentemente non l’amava affatto.
Oggi Ariccia è una città sporca e insicura, con strade mal ridotte e per nulla curate, alcune con transenne che stazionano da anni per via di situazioni pericolose che dovrebbero invece essere risolte. Ci sono strade, vie, vicoli, scalinate, completamente invase dalle erbacce infestanti, che oltre a creare uno stato di disordine, con il tempo possono infiltrare le loro radici e creare veri danni.
I passati amministratori di Ariccia non si sono mai preoccupati di collegare meglio la città a quelle vicine, ma hanno fatto di peggio, hanno lasciato scollegati i quartieri che la compongono, così se qualcuno volesse recarsi con i mezzi pubblici, per esempio con una navetta, direttamente da Villa Ferrajoli a Ramo D’Oro o a Piani di santa Maria, o più vicino, a Vallericcia, avrebbe seri problemi.
Noi, pensiamo proprio che chi aveva il compito di governare questa città, non solo non lo abbia fatto con il cuore, ma non lo abbia fatto per niente bene. Il commercio è esangue. Il Ponte Monumentale, che avrebbe avuto bisogno di manutenzione nel corso degli anni non ne ha mai avuta e adesso è chiuso al traffico pesante e forse verrà chiuso del tutto per un lungo periodo. Le strade sembrano degne di un circuito rally e il corso Garibaldi, che un tempo era percorribile dalle auto ed era pavimentato con dei sampietrini e aveva i marciapiedi, dopo non molti anni che è stato chiuso al traffico automobilistico e pavimentato con delle lastre di scarso valore è già in pessime condizioni, con  mattoni che si muovono, altri che sono rialzati, creando delle fastidiose e pericolose barriere architettoniche per tutti i cittadini. Se chi governava questa città l’avesse amata davvero oggi questa sarebbe un luogo accogliente e vivace e tutti i cittadini potrebbero sentirsi orgogliosamente parte di qualcosa di bello. Purtroppo non è così. Perfino le quotazioni immobiliari sono calate ad Ariccia, e non solo per via della crisi economica visto che sono scese più della media delle altre città confinati, segno che Ariccia non è più attrattiva come lo era un tempo. Altro risultato di una cattiva gestione della cosa pubblica.
Roberto Di Felice
Oggi Ariccia merita di cambiare passo. Ci vuole una svolta reale in questa città. I cittadini non hanno più voglia di sentirsi presi in giro dagli amministratori ma vogliono essere governati da una persona onesta a capo di una squadra competente di persone che non siano vincolate da logiche di partito ma da un solo desiderio: fare di questa città un luogo migliore e farlo con il cuore e con il cervello.
Roberto Di Felice è quest’uomo: un ariccino figlio di ariccini, un uomo colto che intende la politica come servizio per la comunità e non come qualcosa di cui servirsi, come molto spesso capita. Proprio per queste sue caratteristiche Roberto che oggi, dopo gli scempi del passato, è il candidato più forte, l’uomo da battere, incute timore agli avversari, che privi di argomenti sono però ricchi di chiacchiere, spesso malvagie e diffamatorie. Per fortuna i tempi sono cambiati e i cittadini sono cresciuti. Le informazioni viaggiano su più canali e difficilmente si può nascondere lo stato delle cose. 
Le foto, in un filmato breve su Youtube al termine di quest'articolo,  sono tutte state scattate ad Ariccia, prese dai social network e dimostrano lo stato di abbandono della città. Ecco allora, nelle foto in veloce sequenza, com’è stata ridotta da chi non l’ha mai amata, mettendo i bisogni dei cittadini sempre al secondo posto, per non dire all’ultimo.

Per Roberto Di Felice, e per i candidati che lo sostengono, il cittadino viene prima di tutto, perché sono proprio i cittadini che fanno la città. Fare il bene dei cittadini è fare il bene di Ariccia, amarla. Ariccia cambierà realmente in meglio se cambierà davvero.

Nel video che segue una lunga serie di foto del degrado di Ariccia scattate dai cittadini stessi che nel corso del tempo ne hanno denunciato il degrado sui social network

1 commento :

  1. Non posso far altro che condividere l'intero articolo, e sperare che tutti si impegnino nel voler cambiare la situazione che si è creata.

    RispondiElimina